Pagine

martedì 25 aprile 2017

Gavino Dettori Versi persi.

Versi persi.
Questi miei versi
eran dedicati a te.
Ma il vento, geloso,
me li strappa di mano
e li porta via con se.
Eran versi d’amore
dove alla tristezza
rispondeva il cuore.
Un cuore innamorato
che non vedeva l’ora
di averti accanto
per vedere il sorriso
sulle labbra tue.
Ora so che male fa
la gelosia, non tanto
a chi la prova ma,
soprattutto, a chi
ne diventa vittima
innocente, a chi 
non sapeva d’avere
un contendente
che gli vuol portare
via, ad ogni costo,
l’amore della vita sua,
il vento della prateria.
Gavino Dettori, 24 aprile 2017



domenica 23 aprile 2017

Vincenzo De Bernardo ‘a mamma mia

NO, NUN PARLATE…
No, nun parlate, mammà sta durmenno,
stanotte, appriesso a mme, è stata scetata,
io tenevo ‘a freva…, m’ha curata,
una continuazione a controllà!
‘A freva superava ‘e 39°
e nun ve dico che m’ha cumbinato…,
‘e ppezze fredde, nfronte, m’ha piazzato,
appena calde, ‘e steve a sostituì!
Essa, a fianco a mme, int’’a pultrona,
cu ‘a mano, ncapa, a m’alliscià ‘e capille,
a mme piaceva, ca so’ piccerella,
si nun ce ‘o fa na mamma, chi ce ‘o fa?
Mò, finalmente, io me so’ scetata,
‘a freva, meno male, se n’è ghiuta,
essa, ncopp’’a pultrona, s’è abbattuta,
pe’ na mez’ora ‘a voglio fa durmì!
Ma vuje ‘a cunuscite ‘a mamma mia?
Essa è ‘a cchiù bella ‘e tutt’’e mamme
e saccio ca pure si nun ‘a chiammo,
quando me serve, embè, essa sta llà!
19.3.2017
Wincenzo De Bernardo








venerdì 21 aprile 2017

Nazario Bruno Una poesia d’amore

Nazario Bruno

Una poesia d’amore
Una poesia d’amore
ha gli occhi tuoi.
Una poesia d’amore
ha la tua voce.
Un poesia d’amore
è il tuo respiro
che, come un fiore, manda
il suo profumo.
Una poesia d’amore
sono i sogni
dove, regina, solo tu 
governi,
una poesia d’amore
è il mio dolore
per non poter sfiorare
il tuo velluto.




giovedì 20 aprile 2017

Maria Clotilde Cundari Deserto dentro

Deserto dentro
I miei pensieri in fila
come cammelli erranti
che ruminano il nulla,
procedano tra dune 
di un deserto 
che non ha fine.
Nella mente c’è il rumore
di zoccoli duri di sdegno, 
che calpestano il dolore
della natura e del mondo.
Le grida di chi soffre ,
portate da un vento di sabbia,
giungono da ogni dove
come cantilene di chi vive 
nel deserto dell’anima 
in cui non c’è confine
per l’indifferenza umana .
Poi, la speranza buca il cielo
per trovare l’azzurro 
che mi invade di aria pulita,
l’anima accoglie l’immenso
e, con il cuore poggiato
su bianche nuvole di fiducia,
sorrido alla vita
che, comunque sia, è un dono!
Maria Clotilde Cundari




Nazim Hikmet Anima mia

Anima mia
Anima mia
chiudi gli occhi
piano piano
e come s'affonda nell'acqua
immergiti nel sonno
nuda e vestita di bianco
il più bello dei sogni
ti accoglierà
Anima mia
chiudi gli occhi
piano piano
abbandonati come nell'arco 
delle mie braccia
nel tuo sonno non dimenticarmi
chiudi gli occhi pian piano
i tuoi occhi marroni
dove brucia una fiamma verde
anima mia.
Di Nazim Hikmet




mercoledì 19 aprile 2017

Salvatore Monetti

Alcune hanno indossate maschere imperfette,
altre quasi ineccepibili,
altre sono venute a viso scoperto,
non so quali sono state fino in fondo sincere
ma una più di tutte si è liberata del tiranno astratto 
che regnava nella sua anima
che terrorizzava i momenti bui nella sua casa vuota,
eppure ogni sera mi consegnava una busta vuota,
una busta rosa, profumava di tulipano
segno d’incostanza ma anche amore perfetto
come perfetto era il suo viso ormai stanco 
ma spiccato come una rupe sulla cima di un castello,
e intanto nel tempo 
una risacca leggere quasi nulla
bagnava i nostri corpi
naufragati
su uno specchio dalle sponde di seta
e l’edera con un colore assorto 
copriva le sue coppe appena svernate. 
Quanta strada in ore tediose abbiamo percorso
delimitando un territorio non più negoziabile,
infranto come un bicchiere di cristallo dopo un brindisi amaro,
e le braccia aperte hanno perso l’equilibrio
estorcendo un forzato 
ma splendido esilio
di un’eterna e spietata passione.
Salvatore Monetti





martedì 18 aprile 2017

Antonio Meola Per te

Antonio Meola

Per te

Poserò su di te
un profondo pensiero,
sarà una carezza
dolce e vellutata
come un petalo di rosa,
sarà forte e sicuro
come il battito del cuore,
sarà tenero e gentile
come un battito di ciglia .
Poserò su di te
il mio languido sguardo
che ti parlerà
nel più assoluto silenzio
perché tu possa sentire
l'amore che per te
nel cuore nasce.
Poserò su di te
tutto il mio essere
perché di te
viva per sempre.

Melanto

poeta da quattro soldi.



Baldo Bruno AMO LE TUE LABBRA





AMO LE TUE LABBRA



Le tue parole seducono

perchè escono dalle tue labbra divine,

seducono più del tuo corpo

perché la tua bocca ha la grazia

di una farfalla variopinta.

Mi piacciono le tua labbra

quando si aprono per pronunciare

il mio nome, tutto è sublime

ogni piccolo movimento,

sì il giglio dell’amore

nasce sempre tra di loro.

Baldo Bruno 29-3-2017





lunedì 17 aprile 2017

Alda Merini, L’anima innamorata



A volte succedono cose strane,
un incontro, un sospiro,
un alito di vento che suggerisce nuove avventure
della mente e del cuore.
Il resto arriva da solo,
nell’intimità dei misteri del mondo.
Alda Merini, L’anima innamorata



giovedì 13 aprile 2017

Madre Teresa di Calcutta Preghiera per la pace

Preghiera per la pace 



O Signore,
c'è una guerra
e io non possiedo parole.
Tutto quello che posso fare
è usare le parole
di Francesco d'Assisi.
E mentre prego
questa antica preghiera
io so che, ancora una volta,
tu trasformerai la guerra in pace
e l'odio in amore.
Dacci la pace,
o Signore,
e fa’ che le armi siano inutili
in questo mondo meraviglioso.
Amen. 




Madre Teresa di Calcutta




mercoledì 12 aprile 2017

Paris at night (Parigi di notte)

Paris at night (Parigi di notte)

Trois allumettes une à une allumées dans la nuit
La première pour voir ton visage tout entier
La seconde pour voir tes yeux
La dernière pour voir ta bouche
Et l'obscuritè tout entière pour me rappeler tout cela
En te serrant dans mes bras.


Tre fiammiferi uno dopo l'altro accesi nella notte
Il primo per vedere intero il volto tuo
il secondo per vedere gli occhi tuoi
l'ultimo per vedere la tua bocca
e l'oscurità completa per ricordarmi queste immagini
Mentre ti stringo a me tra le mie braccia.
Jacques Prévert



Antonio Meola Vivere

Antonio Meola

Vivere

Tu devi
solo respirare,
tutto il resto
sarà la vita
a fare la magia,
tu devi però
metterci il cuore
per rendere il tutto
degno di chiamarsi vita.
Tu puoi
andargli incontro
mettendo mano
alle tue
buone intenzioni,
dando ascolto
alla vigile coscienza
che sulla retta via
ti lascerà andare.
Respira
e dai un senso
all'attimo che vivi
perché la vita
da te
si aspetta il meglio
perché la magia
abbia poi un fine
e non una fine.

Melanto

poeta da quattro soldi




sabato 8 aprile 2017

Giulio Mendozza Notte ‘e suonno

Notte ‘e suonno
di Giulio Mendozza
Na varca ‘e piscature
s’’a vasa ‘argiento ‘e luna ;
na pàtina ‘e culure
‘ncopp’a nu mare blu.
Stanotte sto affacciato
a stu balcone ‘ncielo,
me sento cunnuliato
d’’a brezza ca mo va,
smove ‘o prufumo ‘e ll’onne,
‘o spanne dint’a ll’aria
e ‘st’anema se ‘nfonne
‘e suonne ‘e giuventù.
Tiennere so’ ‘e ricorde,
so’ triste e songo doce,
d’’o core tutt’’e ccorde
mo tornano a tremmà.
Nun dormo, sto scetato
e pure pare suonno :
stu munno affatturato..
me piace comm’a che .
Sento nu canto amico
ca struje e ca cunzola,
nu canto nuovo e antico
ca attira e fa ‘ncantà.
Ma fossero ‘e Ssirene
ca chiammano chi passa
p’’o stregnere ‘ncatene
senza n’avè pietà ?





ELA POL LARA IL CUORE

ELA POL LARA

IL CUORE

Adoro calarmi
nel profondo di te
per far contento il mio cuore,
lasciarmi trasportare
dai tuoi sensi
che mi marchiano
come infiniti baci 
la pelle,
che mi rinvigoriscono
come soffio di vita
l'anima
...il cuore si solleva
e da quell'istante
il mondo svanisce.

ELA POL LARA ( diritti riservati)




venerdì 7 aprile 2017

Madre Teresa di Calcutta Ho Sentito il Battito del Tuo Cuore!

Ho Sentito il Battito del Tuo Cuore! di Madre Teresa di Calcutta

Ti ho trovato in tanti posti, Signore.
Ho sentito il battito del tuo cuore
nella quiete perfetta dei campi,
nel tabernacolo oscuro di una cattedrale vuota,
nell'unità di cuore e di mente di un'assemblea
di persone che ti amano.
Ti ho trovato nella gioia,
dove ti cerco e spesso ti trovo.
Ma sempre ti trovo nella sofferenza.
La sofferenza è come il rintocco della campana
che chiama la sposa di Dio alla preghiera.
Signore, ti ho trovato nella terribile
grandezza della sofferenza degli altri.
Ti ho visto nella sublime accettazione
e nell'inspiegabile gioia di coloro
la cui vita è tormentata dal dolore.
Ma non sono riuscito a trovarti
nei miei piccoli mali e nei miei banali dispiaceri.
Nella mia fatica ho lasciato passare inutilmente
il dramma della tua passione redentrice,
e la vitalità gioiosa della tua Pasqua è soffocata
dal grigiore della mia autocommiserazione.

Signore, io credo. Ma aiuta la mia fede




giovedì 6 aprile 2017

Maria Clotilde Cundari Nonostante …

Nonostante …
Strisce di colore 
come un arcobaleno
sfiorano lo sguardo
rivolto alla natura.
Nasce sotto la luce
un velluto di petali:
nuovi arrivi di una vita
che offre la primavera.
Come seni di adolescenti
le colline si colmano
di turgidi e freschi rilievi
e gli alberi si tingono
di fiori in attesa.
Si trasforma il cielo
che preferisce l’azzurro
alle tristi e fredde luci 
e si ascoltano fremiti
dalla terra abitata
da risvegli laboriosi.
Sciami di insetti
a bassa quota
ed in alto, uccelli
in fila in un ritorno,
presagio di nuovi nidi.
Ovunque si respira
un verde profumo …
è la forza del creato 
che, nonostante l’uomo, 
vince sulla vita.
Maria Clotilde Cundari





Emanuela M.R. Marzo La luce della luna

RILUCENTI REMINISCENZE
La luce della luna
io la conosco,
ho bevuto le sue lacrime
come stille di miele che gocciola 
delicatezza 
e delizia prelibata al gusto
sull’arsura delle labbra 
sapide d’estate 
e di melanconici umori.
Ho visto il suo abbacinante bagliore
senza restarne accecata 
perdendomi nei riflessi
che brillano pur tra le ombre
senza perdermi in me.
Ho toccato la luna,
ho affondato le mani e il viso
nella sua morbida duttilità
abbeverandomi alla fonte
della sua leggerezza
in quegli istanti prodigiosi
in cui s’allentano i morsi allo stomaco
e scorrono via le pietre 
che arroccano il cuore.
Penso di averla presa …
Credo fosse racchiusa
in una manciata di minuti in cui 
il cuore batte 
armonico col respiro 
e la coscienza sprofonda nell'anima... 
attimi in cui si ha appena 
il tempo di dire
o solo di intuire
"sto bene...
sono felice di respirare ed il cielo 
non l'ho mai visto così terso e azzurro..."
Da: << Le Quattro Stagioni dell’Umore >> , 2014
Emanuela M.R. Marzo




mercoledì 5 aprile 2017

Pablo Neruda Ode alla vita

Ode alla vita

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine


ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi chi non cambia la marca,
chi non rischia e non cambia colore dei vestiti,
chi non parli a chi non conosce.Lentamente muore chi evita una passione, chi preferisce
il nero sul bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di
emozioni proprio quelle che fanno brillare gli occhi
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice

sul lavoro, chi non si permette almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge,

chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.
Lentamente muore chi distrugge l’amor proprio,

chi non si lascia aiutare, chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o della pioggia incessante.
Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,

chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi ricordando sempre che essere

vivi richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà

al raggiungimento di una splendida felicità.
Pablo Neruda














martedì 4 aprile 2017

Vincenza Iacuzzo Anima di pioggia

Anima di pioggia

Mi hai dato il tuo destino,
un'anima di pioggia
come un dono,
come il profumo di un mare
che mentre invade la mia riva
porta la sua brezza lontana 
dai miei occhi,
sarà il cuore o la mente...
m'immergo in questo tepore,
mi lascio frugare il cuore
attraversare dall'intenso
tuo soffio caldo,
che impetuoso squarcia
ad ogni tuo venire
l'urlo dell'anima mia.

© Vincenza Iacuzzo



lunedì 3 aprile 2017

Eduardo De Filippo E' notte

 Eduardo De Filippo E' notte


Tutt’è silenzio dint’a sta nuttata
nun se sente nu passo ‘e cammenà.
Nu ventariello tutta na serata
pare ca me vuleva accarezzà.
E finalmente chiagno! Tu non vide,
tu staje luntano, comme ‘o può ‘vedè?
Però t’ ‘o ddico pecchè tu me cride
e si me cride, chiagne nzieme a me!
Scenne stu chianto lento, doce doce,
nun aizo na mano p’ ‘asciuttà.
Io strillo pe’ te fa’sentì sta voce,
ma tu non puo’ sentì…c’allùcco a ffa’?
Tutt’è silenzio…ncielo quanta stelle!
affaccete, tu pure ‘e ppuo’ vedè:
songo a migliare, e saie pecchè so’ belle?
Pecchè stanno luntano, comm’ ‘a tte!



Traduzione:

Tutto è silenzio in questa nottata
non si sente un passo camminare.
Un venticello per tutta la serata
pare che mi volesse accarezzare…
E finalmente piango! Tu non vedi,
tu sei lontana, come puoi vedere?.
Però te lo dico perchè tu mi creda
e se mi credi, piangi assieme a me!
Scende lento questo pianto, dolce dolce,
e non alzo una mano per asciugarlo.
Grido per farti sentire questa voce,
ma tu non puoi sentire…che grido a fare?
Tutto è silenzio…in cielo quante stelle!
Affacciati, anche tu le puoi vedere:
sono migliaia, e sai perchè son belle?
Perchè sono lontane, come te!