Pagine

venerdì 15 dicembre 2017

Salvatore Monetti Lentamente…

Lentamente…
si alzò…
venne verso di me,
senza abbassare lo sguardo…
stese le braccia…
dovevo solo fare pochi passi e
sarebbe stata mia...
Era così bella
che solo a toccarla avrei sciupato la notte…
I suoi occhi, erano due comete che si rincorrevano…
troppo veloci per pensare che il domani era ignoto…
L’afferrai…
la baciai…
senza staccare le mie labbra dalle sue
cercai il suo desiderio
fondendolo con il mio…
Fu la notte…
che ancora oggi ricordo
come se non fosse mai terminata
perché solo in quella notte
Amai veramente…

Salvatore Monetti








giovedì 14 dicembre 2017

Salvatore Migliore VOGLIO SOLO ABBRACCIARTI

VOGLIO SOLO ABBRACCIARTI

Non voglio guardarti
Non voglio accarezzarti
Non voglio baciarti
E non voglio nemmeno fare l’amore…

Voglio solo farti felice
Voglio solo fare compagnia alla Tua solitudine
Voglio solo darti tutto l’amore che ti manca
E tutta la serenità che ora non hai più…

Voglio solo abbracciarti 
E sentire il tuo cuore che batte
D’amore per me 
Voglio solo gridarti “ ti amo”.

Voglio solo camminare con te
In una spiaggia deserta
Con il solo rumore del mare
Per poterti gridare “ti amo”.

E allora, solo allora… dopo quei “ti amo”,
Voglio pure accarezzarti…
Voglio pure baciarti…
Voglio pure fare l’amore con Te…

E solo allora dopo quei “ti amo”,
Voglio vivere felice 
Per sempre con Te. 
E con questo grande… Nostro Amore.








Silvana Stremiz L'ultima poesia

Di te l'ultima poesia
L'ultima poesia
la scriverò con te
sulle tue labbra
sulla tua pelle.

Di me ti lascerò il profumo
nel cuore
ti attraverserò l'anima
mi ritroverai
in un ricordo
che vibrerà
dolcemente nell'eternità
di un attimo.
Silvana Stremiz




mercoledì 13 dicembre 2017

‎Maria Clotilde Cundari‎

‘E meglio parole

Comme so’ strane ‘e pparole,
cagnane quanno e comme ‘e ddice,
tanno te ponno da’ tanto dulore
tanno te ponno fa’ tanto felice.
Si dice - Io t’amo – a quaccheduno
tu vire po’, ca nun è sempe ‘o stesso,
a vvote regne ‘e gioia ‘o core ‘e uno,
a vvote ‘nvece te pigliene pe’ fesso …
‘O stisso si tu dice – Io te lasso -,
ce sta chi se dispera e chiagnarria
e chi, chinanno ll’uocchie e a’ faccia abbascio,
te murmurea: - uhé … lass’ ‘a fa’ a DDio! - 
Sta vita è ‘na cummedia senza trame
cagne ogni vota ‘a scena e ‘e persunagge:
ce sta chi parla bbuono e po’ fa ‘o‘nfame,
chi se fotte ‘e paura e parla ‘e curaggio …
‘A cosa meglio ‘a fà, p’ognuno ‘e nuje,
è chella ‘e stà a posto c’ ‘a cuscienza,
perciò, ognuno sceglie a modo sujo
chello ca fa e ca dice ‘e cunseguenza.
Po’ chi vo’ capì, capisce comme vuole,
e comme vo’, risponne ‘e compiacenza.
Si po’ nun vuo’ sbaglià, pe’ nun fà ‘mpacchio
‘o saje tu, quali so’ ‘e meglio pparole?
So’ chelle ca se diceno cu ll’uocchie 
fanno capì sempe chello ca pienza ‘o core!






lunedì 11 dicembre 2017

Ada Consoli Tra vuoto e tristezza

Tra vuoto e tristezza

Rumore 
della penna a scatto
rompe
questo cupo silenzio
Disegno cubi
su fogli vaganti
Guardo
costantemente l'orologio
aspetto
che qualcosa 
si muova
ma,è solo 
il vento
che dolcemente
sposta la tenda
lasciando intravedere
la finestra di fronte
Io qui sospesa
tra vuoto e tristezza
prevale 
un'assordante 
silenzio

Ada Consoli







domenica 10 dicembre 2017

K. Gibran I vostri figli

Sui figli

E una donna che reggeva un bambino al seno disse:

Parlaci dei Figli.

E lui disse:

I vostri figli non sono figli vostri.

Sono figli e figlie della sete che la vita ha di sé stessa.

Essi vengono attraverso di voi, ma non da voi,

E benché vivano con voi non vi appartengono.

Potete donare loro amore ma non i vostri pensieri:

Essi hanno i loro pensieri.

Potete offrire rifugio ai loro corpi ma non alle loro anime:

Esse abitano la casa del domani, che non vi sarà concesso visitare neppure in sogno.

Potete tentare di essere simili a loro, ma non farli simili a voi:

La vita procede e non s’attarda sul passato.

Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti.

L’Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito 

e vi tende con forza affinché le sue frecce vadano rapide e lontane.

Affidatevi con gioia alla mano dell’Arciere;

Poiché come ama il volo della freccia così ama la fermezza dell’arco.

(di K. Gibran)













sabato 9 dicembre 2017

Rabindranath Tagore Al chiar di luna

Al chiar di luna

Calma, calma questo cuore agitato,
tu, notte tranquilla di luna piena.
Troppe gravi preoccupazioni,
più e più volte
gravano sul mio cuore.
Versa tenere lacrime
Sopra brucianti pene.
Con i tuoi raggi argentati,
portatori di sogno e di magia,
morbidi come petali di loto,
o notte, vieni, accarezza
tutto il mio essere
e fammi dimenticare
tutte le mie pene.
Rabindranath Tagore




Madre Teresa di Calcutta Morire è tornare a casa;

Morire è tornare a casa;

 eppure la gente ha paura di quello che può capitare, 

e allora non vogliono morire.

 Se nella morte non si vede alcun mistero, 

allora non si ha paura di morire.

 C’è però anche il dubbio di coscienza: 

«Forse avrei potuto fare meglio». 

Quasi sempre, si muore come si è vissuto.

 La morte altro non è che continuazione della vita,

 completamento della vita. 

È il corpo umano che si arrende.

 Ma il cuore e l’anima vivono per sempre. Non muoiono.

 Ogni religione crede nell’eternità,

 in un’altra vita.

 Questa vita non ha una fine definitiva: 

quelli che credono che la vita finisca per sempre temono la morte. 

Se a questa gente si spiegasse bene

 che la morte altro non è che tornare nella casa di Dio, 

non ci sarebbe più paura della morte.

Madre Teresa di Calcutta





venerdì 8 dicembre 2017

Rabindranath Tagore SONNO


SONNO
 Nel tuo sonno, al limite dei sogni,
 aspetto guardando in silenzio il tuo viso,
 come la stella del mattino che appare 
per prima alla tua finestra. 
Con i miei occhi berrò il primo sorriso 
che, come un germoglio,
 sboccerà sulle tue labbra semiaperte.
 Il mio desiderio è solo questo.
Rabindranath Tagore



Carmine Barretta ‘A LETTERINA ‘E NATALE


‘A LETTERINA ‘E NATALE
Mancava ‘nu mese pe Natale,
e i’ ggià penzavo â letterina.
Mammà: “Me faje fà ‘o spezziale…
E ‘a stessa storia, ògne matina”.

Nun capevo pecchè m’arrunzava:
i’ vulevo scrivere sulo ‘a letterina.
‘Na manèra o n’ata, m’arrangiavo…
E ppapà ‘a truvava sott’ô piattino.

Scritta ncopp’a ‘nu foglio ‘e quaterno:
‘na scrittura ‘e criaturo ‘e sette anne.
Addò prumettevo ‘nu bbene eterno…
Ll’avucurio ca campasseno cient’anne!

Dicevo: “ ‘A ogge in poi ve prumetto,
ca nun ve faccio arraggià cchiù”.
Ero ‘nu stuppagliuso, i’ ll’ammetto…
M’arrubbavo sempe ‘a sarza d’’o rraù!

Mentre liggevo me veneva ‘a cchiagnere,
ll’avevo scritto i’, ‘a letterina.
Papà mme diceva: “Nun chiagnere…
Aggio capito ca nun faje âmmuina”.

Quanno nce penzo, ve vulesse ccà:
tutt’’e juorne ve vulesse fà arraggià…
Sì, me mancate, bbene mio carnale…
…Turnate e ppurtateme ‘e Natale!
Carmine Barretta






lunedì 4 dicembre 2017

Silvana Stremiz

Ho chiesto al tempo
di restituirmi momenti
mi ha detto che non può
e di frugare tra i ricordi
tra le pagine della memoria
e i battiti  del cuore
dove tutto  quello che E’
resta  indelebile.

Ho detto al tempo
che ho parole da cancellare
dolori da strappare
attimi da rivivere
abbracci dimenticati
un bacio da dare.

Il tempo mi ha risposto
che nel tempo
tutto può ancora accadere
e con il presente
il passato lo si riscrive
a volte più bello
a volte più brutto
ma nulla è rimpianto
finchè un solo granello di tempo
ci darà un'altra occasione
per  raccontare, per rivivere
per sperare.

Silvana  Stremiz








domenica 3 dicembre 2017

Michele Melillo D'AMOR VIVO

D’AMOR VIVO

L’ardor non sia vano
Come il mio l’amor bramar
E le ali del cor spiegar
Sull’infinito mar

E che sia tracotante
Il tuo a me venir
Dalla notte al dì
Con la tua immensità

E sia ardente
Il mio bacio
Ed in te la passione irrefrenabile
In questo momento incommensurabile

E che i corpi si uniscan all’anime
E che di silenzio il mondo si sazi
E che sian solo gli urlanti sospir
A testimoniar l’ebbrezza d’amor!

Si fa riserva di ogni uso o utilizzo @copyright di Michele Melillo (in arte Escluso Mortimer)


venerdì 1 dicembre 2017

LUIGI MELONI NEL MIO SCRIGNO

NEL MIO SCRIGNO

Tu sei quel tesoro che m'accompagna 
tra le stagioni del tempo,
questo mio dire oltre il parlare
penetra nei tuoi luoghi,
eclissanndomi nello scrigno 
dei sentimenti,
tra abissi marini 
e gioie di sublimi attimi
che si colorano d arcobaleno
come una rosa fiorita al mattino.

Sempre ti cerco allontanando 
i dolori nella frescura della natura
che vado cercando 
dentro quell'ombra che sei tu.








giovedì 30 novembre 2017

Biagio Merlino Lampe e Tuone!

Lampe e Tuone!
Nun parlà
ammore mio !
Nun vide comme chiove?
Abbracciame!
Nu lampo ,
e ntrona ttutt''o palazzo,
E damme n'atu vase,
Un'acqua tutt''e ccase ...
Ancora nu tuono,
e a te te fa' paura.
M'astrigne 'a mana
fino a che me faje male.
Te suse, e arapenne 
na senga
mettennete paura,
tremmanne sane sane ,
vutte na fronna d'oro
d’’o viso 'e Gesu Cristo,
ca veglia ‘a vita nosta,
cu na preghiera
piccerella sussurrata senza fa’ rummore
a vutte p’’a fenesta 
e essa se fa’: nu ragg’’e sole.
Biagio Merlino
Copyright




Alda Merini Quanto ti ho amato…

Quanto ti ho amato…
tu non lo saprai mai:
molto più dell’ape
che punge il suo fiore;
molto più della pioggia
che bagna il pineto.
Ti ho amato forse,
se mi è lecito dirlo,
più di quanto Dio
ami l’uomo.
E per amarti meglio
avrei voluto essere bella
come il silenzio
o come una sfera di stelle.
Ma le mie proprietà
erano miserevoli
e tremavo,
tremavo di passione
senza potertelo dire.
Alda Merini



mercoledì 29 novembre 2017

Salvatore Monetti Ti ho sognata…

Ti ho sognata…
come un lampo…
le tue ali
circondavano i miei fianchi…
…il tuo spirito limpido e carnoso
ha suscitato la mia fantasia…
tanto saggia da risvegliare il mio amore…
perché i veri sogni 
non sono favole
ma dolcezza e amplesso
desiderio e passione
musica e gioia…
…tanta gioia…
che colma la mia arida coppa
e non c’è bisogno d’un letto per amarti
ma un cielo stellato 
di un universo in fiamme

Salvatore Monetti




Ada Consoli Fenice

Fenice

Lentamente
si dissolvono
i mostri
che vivono
dentro gli armadi
della memoria
Stilla asciugata
dal vento
Omertà cieca
Labirinto
d'inquietudine
Io
fenice
risorgerò
in alto
fino a toccare
le stelle

Ada Consoli





Vivere

Vivere

Io vivo di emozioni,
di sorrisi, di lacrime,
di amore, di passioni.
Io vivo di incontri vecchi e nuovi
Di parole dette, taciute... ascoltate
Vivo di silenzi...
di esperienze sempre nuove...
vivo di sogni forse irraggiungibili,
ma vivo.
Anonimo



martedì 28 novembre 2017

Romano Rizzo Geluso songo

Geluso songo
di Romano Rizzo
Geluso songo ‘e ll’aria che respire..,
a te vulesse stà sempe vicino,
bucciuolo ‘e rosa cu dduje uocchie nire
e sti capille, culore ‘oro zicchino.
Chesti pparole meje, nunn’e vuò ‘ntennere,
tu ride e abballe e ‘e me, nun te ne cure..
ma chesta vocca ca prufumma ‘e fravula,
ll’aggio a forza pruvà..ne so’ sicuro!!
Sta freva ca m’hê miso dint’’o core,
surtanto nu migliaro ‘e vase ardente,
‘a po’ cercà ‘e stutà, si pe tramente
a me me faje capì che d’è ll’ammore.
Azzicco fatte a me, pe nu mumento,
tutt’’o zuccaro tuojo, caccialo fore
e doppo, chianu chiano, finalmente
fa’ tutto chello ca te dice ‘o core..
Si ‘mpietto forte s’è appicciato ‘o ffuoco,
na cosa seria è, nun è nu juoco…,
nun ce vo’ acqua gelata p’’o stutà…
ll’ammore sulo.. ‘a pace te po’ dà !!



lunedì 27 novembre 2017

Giuseppe Buro E’ Sera

E’ Sera
Si sveglia la sera mentre il poeta
con le dita tocca la luna, scrive
dei versi mentre un volo di gabbiani
ritorna al suo nido.
E’ sera, una melodia per le strade,
la sua anima è linfa vitale, una
farfalla si posa su un fiore.
Le mani della sua donna nel vento
richiamano un’onda, che sfiora uno
scoglio, lambisce il suo cuore, si ferma
e poi riprende.
E’ sera.
@ Giuseppe Buro
27.11.2017




Michele Melillo VIVERE DI ARTE

VIVERE DI ARTE

Dipingo 
Su tele d'anima
Espongo
La mente intima
Scrivo
Su antichi papiri
Ed intensamente vivo
Fra campi di fiori

Leggo
L'altrui cuore
E sul mio dolore mi reggo
E gli rendo onore

Canto
Della vita e delle sue storie
E la voce del vento sento
Come fossi un cantastorie

Suono
Su spartiti sublimi
Evadendo il vano
Ed apprezzando gli altrui concimi

Scolpisco
Statue parlanti
E come fossi lor amico
Passeggio con gli istanti

Ascolto
Anche del silenzio le grida
E d'odio e rancore sono muto
E l'anima non mi sgrida

Esisto
In questo mio vivere
E cosi persisto
Senza mai morire!

Si fa riserva di ogni uso o utilizzo @copyright di Michele Melillo (in arte Escluso Mortimer)