Pagine

sabato 3 settembre 2016

Eduardo de Filippo O pate

Eduardo de Filippo 

O pate

Pe tutta a vita st'ommo te sta accante,
e tu a stiente, t'accuorge che sta llà;
p'e figlie fa e tutt, e nun se vante,
e soffre spisso senza mai parlà.

E comme San Giuseppe, zitt e muto,
s'abbraccia a croc e fa o vulere e Dio:
fatic, prega e resta scanusciut,
e quante chiagne ... chiagne, t'o dich'io!

Si pure tene mpietto nu dulore,
o stesso, p'à fatica, esce a matina;
p'a famiglia, è nu martire d'ammore,
all'ufficio, o negozio o all'officina.

Te vò bene, e t'o dice quasi maje,
te fa l'elogio, si nun staje presente;
te vase n fronte, quante a durmì staje:
pè na carezza, gode overamente.

Si te richiama, o ffa pè vero amore:
pe te dà gioia, soffre tutt'e ppene;
e ogni ghiurno se consuma o core
si tu nu' studie o lasce a via d'o bene.

Ogni anno isso cammina assai chiù llent;
s'arrappa a pelle, e cagnano e capille;
si tu'o stai a sentì, o fai contento
pecchè è pate, è viecch è piccerillo.

Salutalo quante jesci e quante tuorne,
e falle qualche vota na carezza:
t'accurge ampressa cate gira attuarne,
suspiruso e te fa na tenerezza.

O bene che fa o pate l'annasconne,
pecchè è ommo ... e l'ommo accussì fa:
tanne o figlio se sceta a dint'o suonne,
quante se sposa e addeventa iss'o pate!



Autore: Eduardo de Filippo




Nessun commento:

Posta un commento