Pagine

mercoledì 22 novembre 2017

Giusy Finestrone PERSA DI TE

PERSA DI TE

Inerme mi abbandono al tocco delle tue mani
Come corpo da plasmare, in attesa del domani
Intanto ti vivo in ogni mio battito
Non pensando a nulla,assaporando l'attimo
Viviamo di noi,del nostro sentirci
Godiamo di noi, senza mai pentirci
Non io e te ma solamente noi
Senza domandarci cosa accadrà poi

L'essere brama la frenesia di quell'ardore
Il cuore palpita nell'estasi di quel calore
Arresi a quel folle ed irrazionale momento
Ci smarriamo tra i sentieri di quell'insano turbamento

Ho perso l'anima dentro al tuo sguardo
Nonostante il mio essere ed il mio cuore testardo
Adesso vago nei meandri dei tuoi sensi
Tra sussurri,carezze e sentimenti immensi !!!

Si riserva ogni uso e utilizzo @copyright di Giusy Finestrone





Daniela Benigni E’ poesia infinita

E’ poesia infinita
il suo volto
di donna. 
I suoi pensieri cammino 
con dolcezza disarmante 
non puoi farne a meno 
d’osservarne il suo splendore 
e il suo sguardo 
che abbraccia la tua tristezza.
Bellezza d’amore sofferto
elegante e candido 
occhi che ...
lasceranno un ricordo penetrante.
Lei donna timida
riesce a strappare un sorriso nel cuore 
emanando
luce d'amore .
Possiede la semplicità
l'eleganza di un 'opera rapita
da un dipinto 
dai pochi colori 
che esalta la sua vita .
Un viso senza maschera
tenue come un petalo rosa 
disegnato dalla sincerità
e vorresti incontrarlo ancora .
Delicato come il profumo della primavera
in quel suo mondo 
forse un attimo
un fiore s’aprirà
la sua luce amerà.
D.Benigni




Giuseppe Buro o' core mjo

Ah chell'aria fina fina,
chella sera a rive e mare 
quann a luna t'abbracciava,
t'appuiast ncoppo o' core.
Io t'astrignev cu passione,
tu cu a vocca rossa rossa
me cercave mille vase,
io te dongo o' core mjo
e tu damm e vase tuoje.

@ giuseppe buro



Silvana Fulcini Il mio universo

Il mio universo
Complicità di anime,
Le nostre,
Volteggiano nel cielo 
Del mio universo.
Come le foglie d'autunno 
Che cadono dai rami, ondeggiando
Cercando un sicuro giaciglio. 
Un trionfo d'amore,
Il sussulto dei corpi
Dolcemente avvinghiati.
Cuori palpitanti di felicità,
Desideri infiniti!
Ci stiamo esplorando
Per non tralasciare nulla!
Immersi in sensazioni sublimi,
Nulla esiste più… Solo noi!
Raggiungendo la nota più alta…
Rimanendo accoccolati 
Assaporando
Il piacere e la dolcezza,
Per ore ed ore…
Nell'eden
Del mio universo.
Silvana Fulcini 21/ 11/ 2016
Diritti riservati 




martedì 21 novembre 2017

Fausto Marseglia ’A FATICA D’’O CORE

’A FATICA D’’O CORE

Chistu core vulesse truvà pace,
vulesse sistimà chello ca ’nzerra,
ma nun ce ’a fa, nun se fa capace
ca se trova sempe ’nt’a na guerra.
Scanz’a cchesto, arreparat’a chello,
attiento a cchisto, guardat’a chillo.
’Sta vita è proprio nu maciello.
Par’’e stà sempre mmiez’a ciente spille.

Nun può stà nu poco cuieto
ca t’assardano mille prubleme,
t’hê a stà sempe accorto annante e arèto
arresecanno ’e addeventà scemo.

Chesta vita è cchiena ’e turmiente
ca te strujeno senza ca te n’adduone
fin’a quanno arriva ’o mumento
ca nun ce ’a faje e nun te siente buono.

Hanna ditto ca tutte st’emuzione
ponno fa male e fà fermà ’o core,
ca nun è cchiù tanto guaglione
e nun pò suppurtà troppo dulore.

Ma comme se fa a nun campà accussì?
’A vita nun è maje senza prubleme 
e certamente nun ’e può fà sparì
e l’hê affruntà tutte quante nzieme.

Ma pe bbona sciorta ce stà ll’ammore
ca, si pure porta palpitazione
e fa spantecà cu dulore,
è sempe na doce agitazione.

E, tra nu turmiento e nu suspiro
e nu suspiro e nu turmiento,
nun veco tutto quanto niro 
e campo cercanno ’e stà attiento.

E allora statte carmo core mio.
Cerca ’e nun me fa brutti surprese
c’aggia cammenà ancora pe ’sta via
pure si nun è na commeta scesa.

(F.M.)





lunedì 20 novembre 2017

Vincenzo De Bernardo QUANDO ME TENIVE MBRACCIO

QUANDO ME TENIVE MBRACCIO
‘A no’, quando me tenive mbraccio,
io ero piccerella e nun capivo
ma, mò, ca saccio chello ca facive,
vulesse tenè, mbraccio, io a te!
Mammà al lavoro e tu che m’accudive,
‘o biberon c’’o llatte, ogni matina,
cu te, po’, me tenive, int’’a cucina,
mentre io durmevo, tu stive a stirà!
E, po’, cchiù grossa, me purtave ‘a scola,
precisa, a mezzogiorno, me pigliave,
‘a casa, pe’ na mano, me purtave,
addò ce steve pronto, già, ‘o mangià!
Sti ccose me l’ha raccontate mamma
ed io pe’ chesto ti son sempre grata,
m’arraccumanno, nun carè malata,
ca, mbraccio, nun ce ‘a faccio a te piglià!

Vincenzo De Bernardo




Salvatore Monetti

Si turba 
la notte…
a veder le tue labbra,
dolci…
mentre il vento, 
tra le verdi foglie,
nasconde… 
il mio sguardo 
serrato… 
desideroso…
di respirare… 
l’invisibile forza
di una confessione, 
appena fatta…
goduta… 
di un tempo avvinto, 
dove, all’unisono 
i nostri baci…
increspavano… 
a malapena…
i confini… 
di una risacca eterna…
Salvatoremonetti