Pagine

lunedì 31 luglio 2017

ELA POL LARA SENZA....

SENZA....

Se potessi sfogliare
il cielo con le dita
sottolinierei l'amore,
l'amore che si muove
dal cuore,
che esce dalle mani
senza punteggiatura,
senza pause,
senza il foglio a righe.

ELA POL LARA (diritti riservati)



sabato 29 luglio 2017

Luigi Genghi Succede

Luigi Genghi

Succede
se hai la forza di entrare
in un Cielo astrale,
di penetrare con gli occhi
il tuo infinito.
Succede di osservare,
di vivere appieno
il tuo eterno momento.
Luigi Genghi 28.07.2017




venerdì 28 luglio 2017

Salvatore Monetti Amo portarti con me

Amo portarti con me
in questo novilunio 
fatto di attimi irreali
come i sogni
i miei sogni
quelli che ti prendono per mano
e ti conducono in una stanza
aperta sull’infinito del mare
e là 
io e te
seduti a sorseggiare un calice di stelle
lucenti e belle
come i tuoi passi
che mi conducono lentamente 
tra le braccia di un nuovo Amore

Salvatore Monetti




domenica 2 luglio 2017

Salvatore Monetti Amore

Trabocco oltre l’orlo del tuo calice
mentre l’alba varca i tuoi occhi 
per rischiarare senza paura
il profilo del nuovo sentiero
che scende come neve ad agosto
lieve e delicata 
intensa e mistica
ammaliata
dal tuo ventre bianco
e come il ritmo del mare
continuamente s’infrange sulle mie labbra 
assetate d’Amore.

Salvatore Monetti





venerdì 30 giugno 2017

Ferdinando Russo LACREME ANTICHE...

LACREME ANTICHE...
di Ferdinando Russo.
Na làcrema amara te scenne,
spremmuta dall' uocchie abbruciate...
Tu chiagne 'o ricordo d' 'e ccose passate
e pienze all'Ammore, ca mai turnarrà!
Tu chiagne... Sta vocca te tremma...
vò dicere quacche parola...
Nun nomme te saglie dall' anema sola...
Ma, stanca d' affanno, tu siente a parlà.
Stu nomme 'o cunosco! Na sera
c' 'a luna scenneva int' 'o mare,
'o core sentette stu nomme chiammare,
e a te s' accustaie, pe te cunzulà...
Ma tu, sola e trista, cu l'uocchie
da 'o chianto d'Ammore abbruciate,
chiagnive 'o ricordo d' 'e ccose passate,
chiagnive l' Ammore, ca mai turnarrà!




martedì 27 giugno 2017

Salvatore Monetti HO VISTO L’AMORE


HO VISTO L’AMORE
Ho navigato un oceano inesplorato
assolutamente sconosciuto 
ignoto, imprevedibile, timido.
È venuta a me 
dimenticando il suo passato
e lasciando il dolore dietro l’angolo.
I suoi lineamenti
nudi e spogli hanno abbandonato i silenzi 
attraversando le sbarre della mia prigione
e penetrandomi con occhi tersi 
mi ha donato un amore che non ferisce.
Ho visto l’amore
aveva gli occhi belli
aperti sul domani
che non è eterno
ma indelebile come il nostro abbraccio.

Salvatore Monetti



venerdì 23 giugno 2017

Salvatore Monetti Quello che amo di te

Quello che amo di te
e il tuo essere Donna
Infinita e Profonda
dal gusto mielato
e dai baci dolci e prolungati.
Tu... rivolo a primavera
che diventi gaia e pura
al passaggio della prima lucciola
dopo l’inverno amaro. 

Salvatore Monetti