Pagine

venerdì 15 dicembre 2017

Salvatore Monetti Lentamente…

Lentamente…
si alzò…
venne verso di me,
senza abbassare lo sguardo…
stese le braccia…
dovevo solo fare pochi passi e
sarebbe stata mia...
Era così bella
che solo a toccarla avrei sciupato la notte…
I suoi occhi, erano due comete che si rincorrevano…
troppo veloci per pensare che il domani era ignoto…
L’afferrai…
la baciai…
senza staccare le mie labbra dalle sue
cercai il suo desiderio
fondendolo con il mio…
Fu la notte…
che ancora oggi ricordo
come se non fosse mai terminata
perché solo in quella notte
Amai veramente…

Salvatore Monetti








giovedì 14 dicembre 2017

Salvatore Migliore VOGLIO SOLO ABBRACCIARTI

VOGLIO SOLO ABBRACCIARTI

Non voglio guardarti
Non voglio accarezzarti
Non voglio baciarti
E non voglio nemmeno fare l’amore…

Voglio solo farti felice
Voglio solo fare compagnia alla Tua solitudine
Voglio solo darti tutto l’amore che ti manca
E tutta la serenità che ora non hai più…

Voglio solo abbracciarti 
E sentire il tuo cuore che batte
D’amore per me 
Voglio solo gridarti “ ti amo”.

Voglio solo camminare con te
In una spiaggia deserta
Con il solo rumore del mare
Per poterti gridare “ti amo”.

E allora, solo allora… dopo quei “ti amo”,
Voglio pure accarezzarti…
Voglio pure baciarti…
Voglio pure fare l’amore con Te…

E solo allora dopo quei “ti amo”,
Voglio vivere felice 
Per sempre con Te. 
E con questo grande… Nostro Amore.








Silvana Stremiz L'ultima poesia

Di te l'ultima poesia
L'ultima poesia
la scriverò con te
sulle tue labbra
sulla tua pelle.

Di me ti lascerò il profumo
nel cuore
ti attraverserò l'anima
mi ritroverai
in un ricordo
che vibrerà
dolcemente nell'eternità
di un attimo.
Silvana Stremiz




mercoledì 13 dicembre 2017

‎Maria Clotilde Cundari‎

‘E meglio parole

Comme so’ strane ‘e pparole,
cagnane quanno e comme ‘e ddice,
tanno te ponno da’ tanto dulore
tanno te ponno fa’ tanto felice.
Si dice - Io t’amo – a quaccheduno
tu vire po’, ca nun è sempe ‘o stesso,
a vvote regne ‘e gioia ‘o core ‘e uno,
a vvote ‘nvece te pigliene pe’ fesso …
‘O stisso si tu dice – Io te lasso -,
ce sta chi se dispera e chiagnarria
e chi, chinanno ll’uocchie e a’ faccia abbascio,
te murmurea: - uhé … lass’ ‘a fa’ a DDio! - 
Sta vita è ‘na cummedia senza trame
cagne ogni vota ‘a scena e ‘e persunagge:
ce sta chi parla bbuono e po’ fa ‘o‘nfame,
chi se fotte ‘e paura e parla ‘e curaggio …
‘A cosa meglio ‘a fà, p’ognuno ‘e nuje,
è chella ‘e stà a posto c’ ‘a cuscienza,
perciò, ognuno sceglie a modo sujo
chello ca fa e ca dice ‘e cunseguenza.
Po’ chi vo’ capì, capisce comme vuole,
e comme vo’, risponne ‘e compiacenza.
Si po’ nun vuo’ sbaglià, pe’ nun fà ‘mpacchio
‘o saje tu, quali so’ ‘e meglio pparole?
So’ chelle ca se diceno cu ll’uocchie 
fanno capì sempe chello ca pienza ‘o core!






lunedì 11 dicembre 2017

Ada Consoli Tra vuoto e tristezza

Tra vuoto e tristezza

Rumore 
della penna a scatto
rompe
questo cupo silenzio
Disegno cubi
su fogli vaganti
Guardo
costantemente l'orologio
aspetto
che qualcosa 
si muova
ma,è solo 
il vento
che dolcemente
sposta la tenda
lasciando intravedere
la finestra di fronte
Io qui sospesa
tra vuoto e tristezza
prevale 
un'assordante 
silenzio

Ada Consoli







domenica 10 dicembre 2017

K. Gibran I vostri figli

Sui figli

E una donna che reggeva un bambino al seno disse:

Parlaci dei Figli.

E lui disse:

I vostri figli non sono figli vostri.

Sono figli e figlie della sete che la vita ha di sé stessa.

Essi vengono attraverso di voi, ma non da voi,

E benché vivano con voi non vi appartengono.

Potete donare loro amore ma non i vostri pensieri:

Essi hanno i loro pensieri.

Potete offrire rifugio ai loro corpi ma non alle loro anime:

Esse abitano la casa del domani, che non vi sarà concesso visitare neppure in sogno.

Potete tentare di essere simili a loro, ma non farli simili a voi:

La vita procede e non s’attarda sul passato.

Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti.

L’Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito 

e vi tende con forza affinché le sue frecce vadano rapide e lontane.

Affidatevi con gioia alla mano dell’Arciere;

Poiché come ama il volo della freccia così ama la fermezza dell’arco.

(di K. Gibran)













sabato 9 dicembre 2017

Rabindranath Tagore Al chiar di luna

Al chiar di luna

Calma, calma questo cuore agitato,
tu, notte tranquilla di luna piena.
Troppe gravi preoccupazioni,
più e più volte
gravano sul mio cuore.
Versa tenere lacrime
Sopra brucianti pene.
Con i tuoi raggi argentati,
portatori di sogno e di magia,
morbidi come petali di loto,
o notte, vieni, accarezza
tutto il mio essere
e fammi dimenticare
tutte le mie pene.
Rabindranath Tagore