Pagine

martedì 25 aprile 2017

Gavino Dettori Versi persi.

Versi persi.
Questi miei versi
eran dedicati a te.
Ma il vento, geloso,
me li strappa di mano
e li porta via con se.
Eran versi d’amore
dove alla tristezza
rispondeva il cuore.
Un cuore innamorato
che non vedeva l’ora
di averti accanto
per vedere il sorriso
sulle labbra tue.
Ora so che male fa
la gelosia, non tanto
a chi la prova ma,
soprattutto, a chi
ne diventa vittima
innocente, a chi 
non sapeva d’avere
un contendente
che gli vuol portare
via, ad ogni costo,
l’amore della vita sua,
il vento della prateria.
Gavino Dettori, 24 aprile 2017



domenica 23 aprile 2017

Vincenzo De Bernardo ‘a mamma mia

NO, NUN PARLATE…
No, nun parlate, mammà sta durmenno,
stanotte, appriesso a mme, è stata scetata,
io tenevo ‘a freva…, m’ha curata,
una continuazione a controllà!
‘A freva superava ‘e 39°
e nun ve dico che m’ha cumbinato…,
‘e ppezze fredde, nfronte, m’ha piazzato,
appena calde, ‘e steve a sostituì!
Essa, a fianco a mme, int’’a pultrona,
cu ‘a mano, ncapa, a m’alliscià ‘e capille,
a mme piaceva, ca so’ piccerella,
si nun ce ‘o fa na mamma, chi ce ‘o fa?
Mò, finalmente, io me so’ scetata,
‘a freva, meno male, se n’è ghiuta,
essa, ncopp’’a pultrona, s’è abbattuta,
pe’ na mez’ora ‘a voglio fa durmì!
Ma vuje ‘a cunuscite ‘a mamma mia?
Essa è ‘a cchiù bella ‘e tutt’’e mamme
e saccio ca pure si nun ‘a chiammo,
quando me serve, embè, essa sta llà!
19.3.2017
Wincenzo De Bernardo








venerdì 21 aprile 2017

Nazario Bruno Una poesia d’amore

Nazario Bruno

Una poesia d’amore
Una poesia d’amore
ha gli occhi tuoi.
Una poesia d’amore
ha la tua voce.
Un poesia d’amore
è il tuo respiro
che, come un fiore, manda
il suo profumo.
Una poesia d’amore
sono i sogni
dove, regina, solo tu 
governi,
una poesia d’amore
è il mio dolore
per non poter sfiorare
il tuo velluto.




giovedì 20 aprile 2017

Maria Clotilde Cundari Deserto dentro

Deserto dentro
I miei pensieri in fila
come cammelli erranti
che ruminano il nulla,
procedano tra dune 
di un deserto 
che non ha fine.
Nella mente c’è il rumore
di zoccoli duri di sdegno, 
che calpestano il dolore
della natura e del mondo.
Le grida di chi soffre ,
portate da un vento di sabbia,
giungono da ogni dove
come cantilene di chi vive 
nel deserto dell’anima 
in cui non c’è confine
per l’indifferenza umana .
Poi, la speranza buca il cielo
per trovare l’azzurro 
che mi invade di aria pulita,
l’anima accoglie l’immenso
e, con il cuore poggiato
su bianche nuvole di fiducia,
sorrido alla vita
che, comunque sia, è un dono!
Maria Clotilde Cundari




Nazim Hikmet Anima mia

Anima mia
Anima mia
chiudi gli occhi
piano piano
e come s'affonda nell'acqua
immergiti nel sonno
nuda e vestita di bianco
il più bello dei sogni
ti accoglierà
Anima mia
chiudi gli occhi
piano piano
abbandonati come nell'arco 
delle mie braccia
nel tuo sonno non dimenticarmi
chiudi gli occhi pian piano
i tuoi occhi marroni
dove brucia una fiamma verde
anima mia.
Di Nazim Hikmet




mercoledì 19 aprile 2017

Salvatore Monetti

Alcune hanno indossate maschere imperfette,
altre quasi ineccepibili,
altre sono venute a viso scoperto,
non so quali sono state fino in fondo sincere
ma una più di tutte si è liberata del tiranno astratto 
che regnava nella sua anima
che terrorizzava i momenti bui nella sua casa vuota,
eppure ogni sera mi consegnava una busta vuota,
una busta rosa, profumava di tulipano
segno d’incostanza ma anche amore perfetto
come perfetto era il suo viso ormai stanco 
ma spiccato come una rupe sulla cima di un castello,
e intanto nel tempo 
una risacca leggere quasi nulla
bagnava i nostri corpi
naufragati
su uno specchio dalle sponde di seta
e l’edera con un colore assorto 
copriva le sue coppe appena svernate. 
Quanta strada in ore tediose abbiamo percorso
delimitando un territorio non più negoziabile,
infranto come un bicchiere di cristallo dopo un brindisi amaro,
e le braccia aperte hanno perso l’equilibrio
estorcendo un forzato 
ma splendido esilio
di un’eterna e spietata passione.
Salvatore Monetti





martedì 18 aprile 2017

Antonio Meola Per te

Antonio Meola

Per te

Poserò su di te
un profondo pensiero,
sarà una carezza
dolce e vellutata
come un petalo di rosa,
sarà forte e sicuro
come il battito del cuore,
sarà tenero e gentile
come un battito di ciglia .
Poserò su di te
il mio languido sguardo
che ti parlerà
nel più assoluto silenzio
perché tu possa sentire
l'amore che per te
nel cuore nasce.
Poserò su di te
tutto il mio essere
perché di te
viva per sempre.

Melanto

poeta da quattro soldi.