Pagine

venerdì 12 maggio 2017

Antonio Meola Fluida energia

Fluida energia
Pensieri
che non diventano parole
sogni,
che non sono realtà,
desideri
che mai si realizzeranno
ma che dentro me
creano la voglia
di vivere ancora.
Pensieri e sospiri,
sogno o realtà
si mischiano all'istante
creando in me
l'inesauribile voglia
di prendere l'attimo
vivendolo all'infinito,
restando in silenzio
lasciando che la vita
fluisca in me
libera e felice.
Attimi infiniti
di energia fluida
che uniscono il mio essere
all'immensitá che lo circonda
dove il nulla
è parte del tutto
e la mia anima
fatta di niente,
in quell'istante
diventa universo.
Melanto
poeta da quattro soldi.




giovedì 11 maggio 2017

Totò L’acquaiola

L’acquaiola 
Ogni matina scengo a Margellina,
me guardo ‘o mare, ‘e vvarche e na figliola
ca stà dint’a nu chiosco: è n’acquaiola.
Se chiamma Teresina,
si e no tene vint’anne,
capille curte nire nire e riccie,
na dentatura janca comm’ ‘a neve,
ncuollo tene ‘a salute ‘e na nutriccia
e na guardata d’uocchie
ca songo ddoje saette,
sò fulmine, sò lampe, songo tuone!
E i’ giuro e ce scummetto
ca si resuscitasse Pappagone,
muresse cu n’ ‘nfarto
guardanno sta guagliona.
Essa ha capito ca i’ sò nu cliente
ca ‘e ll’acqua nun me ne ‘mporta proprio niente
e me l’ha ditto cu bella maniera:
“Signò, cagnate strada… cu mme sta poco ‘a fà
se chiamma Geretiello… è piscatore.
Fatica dint’ ‘a paranza ‘e don Aniello”.
Ma i’ niente, tuosto corro ogni matína,
me vevo ll’acqua…
e me ‘mbriaco comme fosse vino.





mercoledì 10 maggio 2017

Marynzia Panico Borrelli AUTISMO

AUTISMO 
Dint'e cerevelle 'e chella capa piccerella chisà che staje penzanne!
Staje llà, inerme e fermo cu ll'uocchie ca guardano sulo nu punto...
chisà si chello ca te sto dicenne siente!
Io, voglio essere pe tte nu punto 'e riferimento finché campo e,
voglio darte tutt'o bbene dò munno, 
pè mme, si n'essere speciale ncopp'a chesta terra,
n'essere innocente, bbuono e, senza cattiveria...
na criatura ca nun fa male a nisciuno ma, ca se ribella accussì, silenziosamente! 
Sta vita mia tu 'a riende importante e, mme faje sentì ca songo viv'a dinto!
Pure si tengo nu dulore, rido, pazzeo cu tico e, tè tengo abbracciato, 

pè farte sentì ca nun si sulo e ca, ttiene nu tesoro vicino a te...vita! 
Nisciuno pò capì ll'ammore ca "n'autistico" pò dà
pure senza dicere na parola!
Nisciuno crede a Ddio si da jsso s' alluntana! 
Crediteme...s' hannà vivere cu 'o core cierti avventure!MN




mercoledì 3 maggio 2017

Alda Merini

Bacio che sopporti il peso
della mia anima breve
in te il mondo del mio discorso
diventa suono e paura.
Alda Merini





 Ho la sensazione di durare troppo, di non riuscire a spegnermi:

 come tutti i vecchi le mie radici stentano a mollare la terra.

 Ma del resto dico spesso a tutti che quella croce 

senza giustizia che è stato il mio manicomio

 non ha fatto che rivelarmi la grande potenza della vita. »

(Alda Merini, La pazza della porta accanto[1])

Alda Merini

Alda Merini (Milano, 21 marzo 1931[2][3] 

 Milano, 1º novembre 2009[4])

 è stata una poetessa, aforista e scrittrice italiana.




Frasi e aforismi di Alda Merini
La miglior vendetta? La felicità. Non c’è niente che faccia più impazzire la gente che vederti felice.
La pazzia mi visita almeno due volte al giorno.
Mi sveglio sempre in forma e mi deformo attraverso gli altri".
Illumino spesso gli altri ma io rimango sempre al buio.
La superficialità mi inquieta ma il profondo mi uccide.
Non cercate di prendere i poeti perché vi scapperanno tra le dita.
Sono una piccola ape furibonda.
Non sono una donna addomesticabile.
Quelle come me guardano avanti, anche se il cuore rimane sempre qualche passo indietro.
Non sono bella sono soltanto erotica.
Non mettetemi accanto a chi si lamenta
senza mai alzare lo sguardo,
a chi non sa dire grazie,
a chi non sa accorgersi più di un tramonto.
Chiudo gli occhi, mi scosto di un passo.
Sono altro.
Sono altrove.
E se diventi farfalla nessuno pensa più a ciò che è stato quando strisciavi per terra e non volevi le ali.
Io trovo i miei versi intingendo il calamaio nel cielo.
Non ho più notizie di me da tanto tempo.
Sei la finestra a volte verso cui indirizzo parole di notte, quando mi splende il cuore.
Se le donne sono frivole è perché sono intelligenti a oltranza.
Le mosche non riposano mai perché la merda è davvero tanta.
Ero matta in mezzo ai matti. I matti erano matti nel profondo, alcuni molto intelligenti. Sono nate lì le mie più belle amicizie. I matti son simpatici, non come i dementi, che sono tutti fuori, nel mondo. I dementi li ho incontrati dopo, quando sono uscita!
Accarezzami, amore
ma come il sole
che tocca la dolce fronte della luna.
Non venirmi a molestare anche tu
con quelle sciocche ricerche
sulle tracce del divino.
Dio arriverà all’alba
se io sarò tra le tue braccia.
Nessuno mi pettina bene come il vento.
Dio mio, spiegami amore come si fa ad amare la carne senza baciarne l’anima.
Chi si nasconde nella tenerezza non conosce il fuoco della passione.
La semplicità a volte è il sintomo di una interna avarizia.
La depressione è un discorso puro sulla creatività.
La casa della poesia non avrà mai porte.
La corda più silenziosa è quella dei versi.
Io amo perché il mio corpo è sempre in evoluzione.
Si uccide per sete di denaro, o per senso di colpa, comunque si uccide sempre. Si uccide anche con le carezze.
Il paradiso non mi piace perché verosimilmente non ha ossessioni.
Il peccato non si rifiuta mai.
La pistola che ho puntato alla tempia si chiama Poesia.
La nevrosi è qualche cosa di circoscritto al pube.
Forse il manicomio esiste per questo. Perchè il vero peccato mortale per gli uomini è la libertà.
La lobotomia è il tocco finale di un grande parrucchiere.
Nessun uomo può dire di non essere stato crocifisso almeno una volta a quel ramo di ulivo che è la donna.
Il sogno canta su una corda sola.
Amare un giovane è come sfidare Dio.
Anche la follia merita i suoi applausi.
Quelle come me sono quelle che, nell’autunno della tua vita, rimpiangerai per tutto ciò che avrebbero potuto darti e che tu non hai voluto.
Il poeta non dorme mai ma in compenso muore spesso.
Amarti è stato come conficcare una stella nel vetro di una finestra.
Nessuno rinuncia al proprio destino anche se è fatto di sole pietre.
Quando la bugia sembra vera nasce la calunnia.
C’è chi si masturba per non perdere l’orientamento.
Se Dio mi assolve, lo fa sempre per insufficienza di prove.
I miei amori sono di tipo randagio.
Il dolore non è altro che la sorpresa di non conoscerci.
Ci si abbraccia per ritrovarsi interi.
Io vorrei essere aiutata ma non a capire. Perché ho capito fin troppo.
Rifiuterò sempre il Nobel perché in Svezia fa freddo.
Le persone capitano per caso nella nostra vita, ma non a caso. Spesso ci riempiono la vita di insegnamenti. A volte ci fanno volare in alto, altre ci schiantano a terra insegnandoci il dolore… donandoci tutto, portandosi via il tutto, lasciandoci niente…
È necessario che una donna lasci un segno di sé, della propria anima, ad un uomo perché, a fare l’amore siamo brave tutte!
Io la vita l’ho goduta perché mi piace anche l’inferno della vita e la vita è spesso un inferno. Per me la vita è stata bella perché l’ho pagata cara.
Beati coloro che si baceranno sempre al di là delle labbra, varcando il confine del piacere, per cibarsi dei sogni.
Gli aforismi sono gli incantesimi della notte.

martedì 2 maggio 2017

Antonio Meola Assenze presenti.

Antonio Meola

Assenze presenti.

Lasci emergere
i numerosi pensieri
che accompagnano
le lente ore
di una notte senza sonno.
Ticchettii emozionali
che gli attimi rallentano
mentre la luna
lo sguardo riempie
e non vuoi
che la notte sparisca.
Pensieri
che illuminano l'anima
mentre lo sguardo
lsi accende all'istante
per quel viso
che ti ha fatto bambino
e con mille carezze
i tuoi capricci trasformava.
Chiudi gli occhi,
rallenti il respiro
e quelle carezze
torni a sentire,
il suo viso 
torni a vedere,
il suo amore
ancora percepisci,
mentre nella notte
solitaria e buia,
la sua luce
ti riempie il cuore.
Respirando
ti rendi conto
che lei
mai è andata via
e la sua mano
ancora ti guida
mentre la vita
ti è ancora amica.

Melanto

poeta da quattro soldi




giovedì 27 aprile 2017

Antonio Ruggiero ‘E SUONNE

‘E SUONNE
‘E suonne,ma che sso’,songo penziere,
nun so’ ppesante comm’’e ppalle ‘e chiummo;
nun teneno sustanza, so’ lliggiere,
saglieno ‘ncielo comme saglie ‘o fummo.
Io m’addimanno n’omme che ssarrìa
senza ‘o sustegno nobbele d’’e suonne;
nu cieco ca va spierto ‘mmiez’’a via,
nu ramusciello sicco e ssenza fronne.
Nu puveriello ca penza a ddimane,
ca si se mette sulo a suspirà,
pure si astregne ll’aria dint’’e mmane,
se sente già cchiù rricco ‘e nu Pascià.
Qual’atu scopo, ma qualu mutivo,
mòve ‘stu munno, chesta specie ‘e palla,
addò sulo chi sonna è ancora vivo,
sulo chi sonna resta ancora a ggalla.
Sarrà forze nu suonno ‘a vita nosta?
Sarrà forze nu suonno ll’ al di là?
Io ll’addimanno ‘e stelle e ppe’ rrisposta,
tutt’une, ‘e bbotto, tornano a bbrillà.
17--05--1989 ANTONIO RUGGIERO




martedì 25 aprile 2017

Gavino Dettori Versi persi.

Versi persi.
Questi miei versi
eran dedicati a te.
Ma il vento, geloso,
me li strappa di mano
e li porta via con se.
Eran versi d’amore
dove alla tristezza
rispondeva il cuore.
Un cuore innamorato
che non vedeva l’ora
di averti accanto
per vedere il sorriso
sulle labbra tue.
Ora so che male fa
la gelosia, non tanto
a chi la prova ma,
soprattutto, a chi
ne diventa vittima
innocente, a chi 
non sapeva d’avere
un contendente
che gli vuol portare
via, ad ogni costo,
l’amore della vita sua,
il vento della prateria.
Gavino Dettori, 24 aprile 2017