Pagine

venerdì 16 febbraio 2018

Bruno Zapparrata ..E M'ACCAREZZA NFRONTE

..E M'ACCAREZZA NFRONTE - di Bruno Zapparrata Ed.2000 1991. (Dorme Miseno)

E M'ACCAREZZA NFRONTE


di Bruno Zapparrata SIAE 88488

Pare ca na Sirena sta cantanno,

sotto a nu manto blu,luceno 'e stelle,

stu specchio 'e mare s'è pittato argiento,

na varca, na scugliera e sulo viento.

Suono 'e chitarra, s'arreposa l'onna,

'o viento mo s'appicceca cu 'e ffronne,

quanta lampare, fanno luce a mmare

tornano ll'ombre addò l'acqua è cchiù chiara...

..........

Sonna Miseno, sonna....

sott'a muntagna 'e Proceda into vierno,

quanno sulo, sfrunnato è ll'oleandro

e ll'onna calma già accarezza arena...

Notte int''a notte e ghiurno senza juorno,

tiempo scagnato e cennere sperduta,

sentì na voce a chi non tene voce,

vedè na luce addò non ce sta luce...

E ll'onna torna, musica ch' accorda

scetanno ncapa a mme mille ricorde,

d''o mare, d''e ssirene e d''e tramonte...

Cade na stella e m'accarezza nfronte......

Bruno Zapparrata

Diritti riservati a norma di legge. Siae 88488






giovedì 1 febbraio 2018

Biagio Merlino Carnevale

Carnevale

Se il carnevale fosse la vita;
ma questi è forse solo una contraddizione
Nascondersi il viso, per tutte le sconfitte
ricevute, dietro la maschera di una farfalla
di un pulcinella
per non farsi osservare le lacrime
che ci sono dietro.
Solo la voglia di vivere invece la sostiene,
per non farla scivolare e ritornare indietro
Ti lancio dei coriandoli
e metto l’apostrofo di una stella;
ma tu non ci sei .
Ricordo i tuoi occhi
che ancora sono in grado
di tagliarmi a fette con quella sfida
che forse era solo un altro modo
per dirmi che ero solo un pazzo
Ricordo l’aureola di confusione
che aleggiava intorno a quel Carnevale
quando si giocava e ci si prendeva in giro
Ricordo il fuoco che mi divorava
mentre ora è tutto cenere .
Forse i coriandoli sono tutte 
le stelle lanciate
dalla mano di Dio per ricordarci
di essere felici.

Biagio Merlino
31 gennaio 2018
Diritti riservati








martedì 30 gennaio 2018

Salvatore Monetti In fondo alla navata

In fondo alla navata 
anziane donne
recitano litanie antiche…
Vedo santi e madonne
adornate di fiori…
Il prete con la corona in mano
fa scorrere i grani del rosario
sotto i suoi passi…
Avanzo come una legione romana
in cerca di te…
Sei là…
inginocchiata davanti a Maria…
Sento l’immobilità del mio corpo
ma… con un movimento istintivo
m’accosto…
metto le mie mani tra le tue…
chiudo gli occhi…
t’immagino
come una danzatrice ieratica
sotto un cielo blu e un rosso vermiglio…
In un’atmosfera quasi sacra
m’accosto ancora di più…
Trasogno… 
e… ti chiedo:
Perché sussurri preghiere
quando la primavera è alle porte?
Vieni! 
Andiamo verso la riva
dove le barche riposano dopo una lunga notte
in cerca di speranze ormai perse.
Ma tu!
in questa notte d’agosto
sotto una luna adulatrice
mentre una nuvola la nasconde…
il pensiero si rompe…
ci adagiamo senza rumore…
oscillando e vibrando…
come un’ala tesa
tra mare e cielo
e… la notte riprende vigore.

Salvatore Monetti






lunedì 29 gennaio 2018

Biagio Merlino Patrone d''e stelle

Patrone d''e stelle

Addò starraje ca nun te veco oje bella
mo ca nun sento cchiù chella resata;
si nun te veco nun me tremma 'a pelle
e chistu core anfine sta' 'ncrippato.

Nu Girasole era sta capa mia
pure si 'o sole se n'eva trasuto,
e mo me magno pane e pucundria
e ppenzo a cchesta lampa ca se stuta,

Nun pepeteo cchiù si 'ncopp''a ciglia ...
fermata s'è na goccia, un c'è cche ffa
tengo tesore e nun tengo maniglie
ca porta chiusa pozzo spalancà,

T'avesse ammeno dato quacche vaso
pe me zucà stu mmele ca me danna;
ma so seccate tutte chelli rrose,
mo stamme a vvierno e a vvierno 'nse ne fanno

Ero patrone 'e stelle e mo so' niente;
tenev''o cielo scuro trapuntato:
ma dint''a notte 'stregno sulo viento,
e senza st'uocchie 'o cielo sta 'nquitato…..

E' asciuto 'o sole, int ''all'immenzità.
tutto rispira e sceta sango e vita.
Passa nu raggio : senzo 'e libertà
'a primmavera , vocca sapurita

Biagio Merlino
Inedita Diritti Riservati
26 01 2016




sabato 27 gennaio 2018

Giornata della Memoria Joyce Lussu UN PAIO DI SCARPETTE ROSSE

UN PAIO DI SCARPETTE ROSSE

C’è un paio di scarpette rosse

numero ventiquattro

quasi nuove:

sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica

‘Schulze Monaco’.

C’è un paio di scarpette rosse

in cima a un mucchio di scarpette infantili

a Buckenwald

erano di un bambino di tre anni e mezzo

chi sa di che colore erano gli occhi

bruciati nei forni

ma il suo pianto lo possiamo immaginare

si sa come piangono i bambini

anche i suoi piedini li possiamo immaginare

scarpa numero ventiquattro

per l’ eternità

perché i piedini dei bambini morti non crescono.

C’è un paio di scarpette rosse

a Buckenwald

quasi nuove

perché i piedini dei bambini morti

non consumano le suole.

Joyce Lussu






giovedì 25 gennaio 2018

Salvatore Monetti La luna è alta

La luna è alta
dietro ai tetti adornati 
di camini fumanti…
fra freddo…
tanto freddo…
la strada è piena di gente…
ti vedo in fondo alla via
con il tuo cappotto rosso
col tuo andare veloce…
ti seguo fin sotto casa…
le mura dei palazzi 
mi soffocano come lastre di ghiaccio…
ti raggiungo… 
su per le scale
e con voce tremante
appena pronuncio il tuo nome…
Come un bambino abbasso lo sguardo
al tuo voltarti…
Notte di luna piena…
Notte di amori bramati …
Notte da recuperare
il canto dell’amore felice…
Intanto…
hai spalancato la porta
come se volessi
strapparmi il cuore…
e… condurmi tra le tue generose braccia…
Notte di luna piena…
Notte dal sapore dolce…
Non resisto oltre…
ti sfilo il cappotto…
l’adagio sul sofà…
tu… prendi un bicchiere 
e bevi senza sete
mirando al di là dei vetri
rami stanchi e infreddoliti…
M’avvicino… 
t’accarezzo…
inginocchiandomi
e baciando le tue mani…
Notte di luna piena… 
Notte d’un dolce ritorno…
Notte di ceri consumati…
Dopo un attimo
i nostri corpi curvi
si posano sul letto…
Piego la faccia
sulla tua guancia…
è… suggello… 
il fuoco eterno del tempo infinito.

Salvatore Monetti


mercoledì 24 gennaio 2018

Giorgio Bisignano TEMPESTA D’ODIO

TEMPESTA D’ODIO
(versi liberi)

Giungeva il treno avvolto dalla nebbia
al limitar del lager.Angeli della morte
pronti con solerti ghigni
ad aprir le porte di Auschwitz-Birkenau.

Uomini donne bambini magri sino all’osso
pallidi di paura marchiati come bestie.
Spinti col calcio dei fucili e immonde minacce
a centinaia entro camere a loro destinate.

Odor di morte e odio.

Spogliati di tuttonudi e indifesi
senza l’ombra di speranza nelle ingiuriate menti…
Solo numeri e stelledi David cucite sulle giacche.
Maledetto postola dignità svanita
all’ombra dei cancelli.

Miasmi mortali dalle docce infami
su gente già mortadi terrore.
Lenta cadeva la neve e il fumo misto a cenere 
saliva nel funesto grigiore.

Salivano le anime per lo stretto camino
verso il cielo.Cenere di vite spezzate
copriva il manto bianco.

Volavano le spoglie
e disumane grida pianti disperati
ad invocare di Dio la pietà dissolte nell’aria greve
nel buio della notte

Fu morte lenta all’alitar del gas.
Quanto odio tra quelle calde mura.
Inumano delirio
di uomo contro uomo.

20-01-2018
Giorgio Bisignano