Pagine

domenica 2 luglio 2017

Salvatore Monetti Amore

Trabocco oltre l’orlo del tuo calice
mentre l’alba varca i tuoi occhi 
per rischiarare senza paura
il profilo del nuovo sentiero
che scende come neve ad agosto
lieve e delicata 
intensa e mistica
ammaliata
dal tuo ventre bianco
e come il ritmo del mare
continuamente s’infrange sulle mie labbra 
assetate d’Amore.

Salvatore Monetti





venerdì 30 giugno 2017

Ferdinando Russo LACREME ANTICHE...

LACREME ANTICHE...
di Ferdinando Russo.
Na làcrema amara te scenne,
spremmuta dall' uocchie abbruciate...
Tu chiagne 'o ricordo d' 'e ccose passate
e pienze all'Ammore, ca mai turnarrà!
Tu chiagne... Sta vocca te tremma...
vò dicere quacche parola...
Nun nomme te saglie dall' anema sola...
Ma, stanca d' affanno, tu siente a parlà.
Stu nomme 'o cunosco! Na sera
c' 'a luna scenneva int' 'o mare,
'o core sentette stu nomme chiammare,
e a te s' accustaie, pe te cunzulà...
Ma tu, sola e trista, cu l'uocchie
da 'o chianto d'Ammore abbruciate,
chiagnive 'o ricordo d' 'e ccose passate,
chiagnive l' Ammore, ca mai turnarrà!




martedì 27 giugno 2017

Salvatore Monetti HO VISTO L’AMORE


HO VISTO L’AMORE
Ho navigato un oceano inesplorato
assolutamente sconosciuto 
ignoto, imprevedibile, timido.
È venuta a me 
dimenticando il suo passato
e lasciando il dolore dietro l’angolo.
I suoi lineamenti
nudi e spogli hanno abbandonato i silenzi 
attraversando le sbarre della mia prigione
e penetrandomi con occhi tersi 
mi ha donato un amore che non ferisce.
Ho visto l’amore
aveva gli occhi belli
aperti sul domani
che non è eterno
ma indelebile come il nostro abbraccio.

Salvatore Monetti



venerdì 23 giugno 2017

Salvatore Monetti Quello che amo di te

Quello che amo di te
e il tuo essere Donna
Infinita e Profonda
dal gusto mielato
e dai baci dolci e prolungati.
Tu... rivolo a primavera
che diventi gaia e pura
al passaggio della prima lucciola
dopo l’inverno amaro. 

Salvatore Monetti



giovedì 22 giugno 2017

Antonella Morini "IL PIANO"

 "IL PIANO"
Il suono di quel piano

era poesia per le mie orecchie,
guardavo incantata quelle mani
toccare tasti con la grazia d'una farfalla.
Riuscivi a far volare la mia mente
sorvolavo montagne come aquila libera,
chiudevo gli occhi ed ero altrove.
Ricordi che resteranno chiusi in uno scrigno
riposto in un cuore malato e nostalgico
di quell'amore che non fu.
Troppo avevo chiesto alla vita
e così prese la tua
lasciando posto al vuoto
di cui ancor oggi perseguita
la mia esistenza.
Di notte,
quando il sonno
riesce a cogliermi di sorpresa,
entri nei miei sogni,
ti vedo seduto a quel piano,
di bianco vestito
e sento la nostra musica.
Un regalo,forse l'ultimo
prima di passare oltre quella celestiale luce,
sei venuto per un addio?
Alzati,avvicinati,abbracciami
e fammi sentire 
il sapore
di un tuo bacio.
Antonella Morini 





mercoledì 21 giugno 2017

Salvatore Monetti La tua voce

La tua voce
un’assenza vestita a festa
vicina alla realtà
di un sogno avuto
in un mattino di giugno.
Il guanciale del cuscino
volta le spalle alla finestra
e un’eco chiama
da un paese lontano
il mio segreto semplice e tenero
toccato appena da una bava di vento
e continuo a sognare
sperando che l’alba 
non intacchi la tua mano
che mai potrà cancellare
i tuoi versi socchiusi
in un angolo della notte.

Salvatore Monetti

domenica 18 giugno 2017

Agostino Degas

Le belle persone restano sempre belle,

 anche se passano gli anni.

 Anche se sono senza trucco. 

Se sono stanche, se hanno le rughe.

 Perché la bellezza che è dentro di noi non invecchia mai.

 Diventa con gli anni più fragile e preziosa.

 Le belle persone non smettono mai di brillare.

Agostino Degas