Pagine

giovedì 10 maggio 2018

ANTONIO RUGGIERO SURRISO ‘E MAMMA

SURRISO ‘E MAMMA

Ch’ addore mamma-ma’ dint’’a cucina,
addò pippéa dint’ a ‘na caccavella,
‘a sarza ca cummoglie ‘o spezzatino
e addò mammà nce affonna ‘a cucchiarella.

S’ è ffatta vicchiarella mamma mia,
ma ‘o tiempo ll’ è sciuliato ‘ncopp’’a pella;
nun ha lasciato rughe o che sacc’ io,
e ttène ancora ‘a faccia liscia e bbella.

A ffianco ‘a caccavella,’a cafettèra,
primma se ‘nfòca e ddoppo murmuléa;
mammà cu’’a faccia ‘e Pasca e ssempe allèra,
me dice ca sta bbona e ccapuzzéa.

A stiente se mantène ‘ncopp’’e ggamme,
smorza ‘o dulore e sse mantène dritta;
è cchello ca te fa ‘na vera mamma…
annanze ‘e figlie soffre e sse sta zitta.

E qquanno po’ me piglia ‘a tennerezza,
m’’a stregno dint’’e bbracce e ppo’ m’’a vaso;
ll’ abbasta accussì ppoco, e pp’’a priezza,
cu’ nu surriso suoio s’ allumma ‘a casa.

 ANTONIO RUGGIERO





mercoledì 9 maggio 2018

Antonio Meola Maschere

Maschere

Nascondi,
con il trucco
di un felice sorriso,
l'amarezza
che ti stringe l'anima
mentre la solitudine
annulla i pensieri
rendendo mute le parole,
affogando le pupille
in un mare di tristezza.
Nascondi,
la tua tristezza
trasformi in sorrisi
mordendoti le labbra
per non sentire
il dolore che
il cuore attanaglia,
diventando attore
sul palco della vita,
rappresentando la commedia
che tutti faccia felici
mentre tu aspetti
che la farsa finisca
ed un vero sorriso
ti incornici
per sempre il viso.

Melanto
( Antonio Meola )

poeta da quattro soldi.





martedì 8 maggio 2018

Silvana Stremiz Il poeta

Il poeta

Ricama versi con le parole
trasforma le emozioni in poesia
dà battito ad un sogno
sospiro ad un respiro.

Racconta l’amore
con schizzi di cuore
vomita l’ingiustizia
con la rabbia del disgusto
sputando il veleno
su un foglio di carta.

Guarda lo scorrere del tempo
in ogni sua sfumatura
dell’attimo ne fa essenza
lo rende infinito
nel tempo della vita
piangendo e ridendo da dentro.

Il poeta sporca un foglio
con l’inchiostro di un momento
e lo rende eterno in chi
col cuore, distrattamente o attentamente lo legge.

Il poeta è poeta se ti sfiora l’anima
e ti fa sorridere o piangere da dentro.

@Silvana Stremiz






venerdì 4 maggio 2018

Massimo Bisotti

Nessuno sa che sei entrata nella mia vita e non importa,

 noi lo sappiamo.

 Sappiamo che entrare e uscire da una mente non c’entra niente con il chiudere porte.


Tenere per mano una mente non è come tenere per mano una mano.


Non puoi lasciare andare un pensiero semplicemente lasciando la presa.


Ma se qualcuno per caso un domani dovesse chiederti ancora qualcosa di noi tu non dirgli niente di me,

 di quel che ti ho raccontato.

Dì soltanto che io non potevo fare meglio di così, che non ho mai avuto paura di amarti.

Massimo Bisotti



martedì 17 aprile 2018

Filomena Di Sarno 'A MAMMA!

'A MAMMA!

Bell' invenzione 'a mamma, chi ll' ha fatta è stato grande...
Ha regalato 'o bbene cchiù prezioso a tuttu quante!
'Na femmena speciale, amica...confidente...
Chella ca' si hai bisogno, t ' 'a truove ogni mumente!

Quella ca quanno arrivi te regala 'o primmo ammore,
pecche' già 'a primma 'e nascere te teneva dint' 'o core!
Ti accompagna passo passo nel sentiero della vita, 
conosce ogni tua lacrima...ogni tormento...ogni ferita!

Capisce si staje allere, oppure staje nervuse...
Si staje suffrenne guardala, 'a vire ll'uocchie 'nfuse!
Ce sta' chi 'a tratta bbona, ci sta' chi la disprezza,
chi è orfano e 'a vulesse invece 'na carezza!

'A mamma è sempe 'a mamma, pure quann' ha sbagliato, 
e s' adda perduna'...chello ca' è stato è stato!
Si sulo vuò penzà ca pe' te fa' signore, 
nn' 'ha fatte sacrifici...chesto t'adda fa' onore!

Trattala con affetto e tienatella cara...
Come fosse un gioiello, una pietra molto rara...
Questa donna se lo merita, è il minimo si 'o ffaje, 
perché il suo amore è immenso e nun fernesce maje!

'A mamma te da' tutto, te regala 'a ggiuventu'...
Spisse vene apprezzata quanno nun ce sta' cchiù!

Filomena Di Sarno.
(Reg.alla siae)





martedì 27 marzo 2018

Danilo Tropeano In un paradiso



In un paradiso ti voglio portare,
dove sempre regna pace, e avrai
la luce che vorrai desiderare ...
se solo ascolterai il Cuore.
Lì non serviranno parole
o colori per tinteggiare
un presente, ormai indifferente,
che ti chiede, ma non da niente.
Questa notte libera la mente
e lasciati trasportare da un sogno.
Ci sarò io, ma di Te avrò bisogno
per realizzare il mio disegno
che insieme ci ritrarrà volare.
E adesso chiudi gli occhi ...
mentre i sensi mi tocchi
e ti sentirai accarezzare
i capelli, come nessuno
ha mai saputo fare.
Ora ....Tu leggimi l'Anima
che ti vuole parlare ...
e io, riuscirò a farti sognare.

Danilo Tropeano



mercoledì 21 marzo 2018

Davide Massaro Sii

Sii

Il verbo essere della tua vita,
non farti scalfire 
dagli ausiliari nemici.

Fa che il tuo accento

Trionfi su chi ti scherna 
e umilia.

Sii

Il verbo che accetta solo
preposizioni e complementi,
amici.

E ricorda che sei tu,
il verbo essere 
dove la vita
si contempla,
nella consapevolezza che in noi,
nel tutto siamo...

Unici

e consapevoli di avere parole,
che l'infinito ci permette di esprimere
per comunicare amore,
e trasmettere umanità 
anche un po' del nostro verbo,
essere della nostra esistenza!

Davide Massaro