Pagine

martedì 28 febbraio 2017

Pulecenella MASENZIO CARAVITA


Pulecenella





‘Sta maschera  ‘e tantu tiempo fa

‘o munno sano ‘o fa ancora parlà,

dicevano ca era povero , ‘gnurante..

ma era furbacchione, sapeva campà.



Pulecenella pe’ tirà annanze

‘a miseria s’ ‘a metteva a cuffià,

e pe’ ragnere chella bella panza

steva sempe a ridere e a pazzià.



Isso ‘e patrune ‘e ffaceva fesse

cu nu pirulè se sapeva arravuglià,

matina e sera steva miez’ ‘a ggente

e nun le piaceva proprio ‘e faticà.



‘A tarantella? nun s’abballa

si Pulucenella nun ce ce stà!

‘Sta maschera ‘e ate tiempe …

chi maje s’‘a pò scurdà?



Sì, Pulecenella nascette Acerra,

Napule, nun abbasta maje a ringrazià,

e rimarrà ll’orgoglio ‘e chesta terra

fino a che ‘o Pataterno ce fà campà|



Ciro Borrelli in arte

MASENZIO CARAVITA



 

lunedì 27 febbraio 2017

Gennaro Picone ‘E penziere


‘E penziere
M’astipo ogne penziere ,
ca faccio pe’ ‘st’ammore.
‘E mettarraggio ‘nzieme
Pe’ mesurà ‘stu bbene.
‘A quanno schiara juorno
Me stanno sempe ‘ntuorno.
E pure ‘int’a jurnata
Nun resto a penzà’ ato.
Sapite mo’ che faccio?
Ne faccio ‘nu cartoccio.
‘E trasformo a stelletelle,
Vire che penzata ‘e bello!
Pe’ tutt’o cielo po’ c’e metto,
tutte s’hanno annammurà’d’a notte!
Versi di Gennaro Picone


sabato 25 febbraio 2017

Romano Rizzo Sta lettera

Sta lettera
di Romano Rizzo

Tutt’’e suspire ‘e st’anema
cu ‘e parpete ‘e stu core,
‘e truove int’a sta lettera
che mo t’ha scritto ammore.

A mme m’hê fatto ntennere
che ‘a vita po’ cagnà
e che ‘a rota d’’o tiempo
arreto po’ girà !!

Ll’hê fatto turnà giovane
n’ata vota stu core
che sta currenno appriesso
a nu suonno d’ammore.

Tu, ca hê purtato ‘o sole
addò ce steva ‘o gelo,
e ddoce faje ‘e pparole,
si’ n’angelo d’’o cielo.

Si’ ll’acqua ncopp’ô ffuoco,
tu si’ na calamita;
tu ca si’ nu tesoro
a mme m’he dato ‘a vita.

Te cerco sulamente
‘e stà vicino a mme
e nun voglio cchiù nniente
già me ssento nu rre!!

Llieggete chesta lettera..
lliggiatella ogne sera..
tienela bbuono a mmente :
chist’è ll’ammore ovèro..

ll’ammore ca nun cerca
e ttutto è ppronto a ddà;
s’attacca comm’a ll’ellera
e mmaje te vo’ llassà!!





giovedì 23 febbraio 2017

Vincenzo De Bernardo TE TENGO ANNANZE ALL’UOCCHIE

TE TENGO ANNANZE ALL’UOCCHIE
Te tengo annanze all’uocchie ogni mumento,
pure si nun stai a fianco a mme,
sta cosa, pe’ mme, è comme a nu turmiento
e nun me saccio spiegà ‘o pecchè!
Sarrà pecchè he dato luce ‘a stanza,
pure si stevemo cu ‘a fenestra chiusa,
nu fremito me piglia dint’’a panza,
io, primma ‘e te, nun m’ero mai illusa!

Ma, ‘a quando ce stai tu, cagnata è ‘a vita,
me sento comme, mai, primma ero stata,
io primma me sentevo assai stranita,
vicino a te, io me sento rinata!

Me piace ‘e sta cu te, mano int’’a mano,
nun dumandà ‘o pecchè ca nun ‘o ssaccio,
nu libro nuovo inizia da domani,
‘a vita vecchia, ormai, è carta straccia!


Vincenzo De Bernardo






mercoledì 22 febbraio 2017

Antonio Meola Brezza di mare

Antonio Meola


Brezza di mare

Arrivi leggera
accarezzando il viso
mentre gli occhi
lentamente si schiudono
per apprezzare l'emozione
che gentilmente regali.
Brezza marina
che con mille odori
fai risvegliare un corpo
che il mormorio del mare
ha dolcemente addormentato.
Arrivi tranquilla
portando con te
ovattati rumori
di uccelli liberi
di viversi l'onda
che li avvolge e li sorregge.
Brezza di mare
fammi assaporare con te
il sapore del mare
per vivere l'emozione
che solo lui
sa dolcemente regalare.

Melanto

poeta da quattro soldi



 

Gennaro Picone LUNA,RIGGINA...

LUNA,RIGGINA...

Oje Luna, Luna chiena,,
riggina d'o cielo a primma sera,
te spasse a leggere tutte 'e penziere
ca d'o core nasceno cercanno a tte.
Tu si riggina 'e luce tra 'e stelle,
ca te ncuronano comme 'a cchiù bella.
Ma tiene 'o ggelo int'a sta luce,
e nun cure ferita c'abbruce.
Anze me guarde cu nu surriso 'e prete(pietra)
e po t'annascunne a na nuvola arete(dietro una nuvola)
Ma nnnoooo...che ddico? Mo veco 'o ppecché:
Staje chiannenno pure tu nzieme a mme,
e t'annascunno pe nun te fa vedé.

Edita da Gennaro Picone


 

venerdì 17 febbraio 2017

Antonio Meola Note

Melodia d'amore.

Note
che scaldano,
che al silenzio
danno voce
e all'aria
infinite vibrazioni.
Note
che scaldano
un cuore in attesa,
un pensiero sospeso,
un sorriso che cresce
dando vita
a emozioni infinite.
Note
che nell'anima
scivolano veloci,
come su un pentagramma
non fanno rumore
ma creano all'istante
una melodia
che ci porta a sognare.
Note
che parlano d'amore,
che lasciano un segno
su una lacrima che scende,
che danno ai ricordi
ancora vita.
Note
che portano con se
ancora tanta vita
perché a me
parlano di te.

Melanto

poeta da quattro soldi.




 

domenica 12 febbraio 2017

Pablo Neruda ODE AL GIORNO FELICE

ODE AL GIORNO FELICE

Questa volta lasciate che sia felice,
non è successo nulla a nessuno,
non sono da nessuna parte, 
succede solo che sono felice 
fino all’ultimo profondo angolino del cuore. 

Camminando, dormendo o scrivendo, 
che posso farci, sono felice. 
Sono più sterminato dell’erba nelle praterie, 
sento la pelle come un albero raggrinzito, 
e l’acqua sotto, gli uccelli in cima, 
il mare come un anello intorno alla mia vita, 
fatta di pane e pietra la terra 
l’aria canta come una chitarra.

Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,
tu canti e sei canto.
Il mondo è oggi la mia anima
canto e sabbia, il mondo oggi è la tua bocca,
lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia
essere felice,
essere felice perché sì,
perché respiro e perché respiri,
essere felice perché tocco il tuo ginocchio
ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo
e la sua freschezza.
Oggi lasciate che sia felice, io e basta,
con o senza tutti, essere felice con l’erba
e la sabbia essere felice con l’aria e la terra,
essere felice con te, con la tua bocca,
essere felice.

Pablo Neruda



giovedì 9 febbraio 2017

Giorgio Bisignano Ragazza bionda

Ragazza bionda

Ragazza bionda col sapor del mare
occhi scavano nell’immenso cielo
lo sguardo azzurro vaga là nel cosmo
sì che mirarti palpita il mio cuore.


Labbra vergini aspettano il ritorno
voglion colmare i perduti giorni
cerchi un segno fra astri luminosi
splende il tuo viso più di quelle stelle.


L'antico amore lo ritroverai
che nel profondo del tuo cuore alberga
ritorneranno i giorni tuoi felici
e sulla sabbia scriverai il suo nome


Bacerai l’acqua, ringrazierai il cielo,
la sabbia e il vento, l’aria che respiri
e sussurano l’onde il vostro nome
una eco lontana che riporta amore.


09-02-2017
Giorgio Bisignano



martedì 7 febbraio 2017

Antonio Meola In te

In te

Perso,
con il respiro
che accelera all'improvviso
mentre lo sguardo
penetra in te
fino a perdersi
nel caldo colore
dei tuoi occhi
viaggiando
nella tua profondità
mentre mi carico
dalle vibrazioni che emani.
Lo sguardo
mi attira a se,
distogliere l'attenzione
proprio non posso
perché attratto
dal magnetismo
che incanta.
Perso
in un sogno
che non ha fine,
mentre dalle tue labbra
ancora mi nutro
confondendo i miei respiri
con i tuoi
languidi sospiri.
In te,
per sempre mi perdo
catturato dallo sguardo
che scampo non dà.

Melanto

poeta da quattro soldi