Pagine

giovedì 19 dicembre 2013

I RE MAGI Gabriele D'Annunzio


I RE MAGI


di Gabriele D'Annunzio


La notte era senza luna;


ma tutta la campagna risplendeva


di una luce bianca e uguale come il plenilunio,


 poiché il Divino era nato;


dalla campagna lontana i raggi si diffondevano....



Il Bambino Gesù rideva teneramente,


 tenendo le braccia aperte verso l'alto,


come in atto di adorazione;


 e l'asino e il bue lo riscaldavano col loro fiato,


 che fumava nell'aria gelida.



La Madonna e San Giuseppe


di tratto in tratto si scuotevano


dalla contemplazione,


e si chinavano per baciare il figliolo.



Vennero i pastori, dal piano e dal monte,


portando i doni e vennero anche i Re Magi.


 Erano tre:


 il Re Vecchio, il Re Giovane e il Re Moro.



Come giunse la lieta novella della natività di Gesù si adunarono.



E uno disse:



 È nato un altro Re. Vogliamo andare a visitarlo ?



Andiamo - risposero gli altri due.



Ma con quali doni?



Con oro, incenso e mirra.



Nel viaggio i Re Magi discutevano


animatamente, perché non potevano ancora stabilire chi,


 per primo, dovesse offrire il dono.



Primo voleva essere chi portava l'oro. E diceva:


 L'oro è più prezioso dell'incenso e della mirra;


dunque io debbo essere il primo donatore.



Gli altri due alla fine cedettero.


 Quando entrarono nella capanna,


 il primo a farsi innanzi fu dunque il Re con l'oro.



Si inginocchiò ai piedi del bambino;


e accanto a lui si inginocchiarono i due con l'incensi e la mirra.



Gesù mise la sua piccoletta mano


 sul capo del Re che gli offerse l'oro,


quasi volesse abbassarne la superbia.


 Rifiutò l'oro;


soltanto prese l'incenso e la mirra, dicendo:


 L'oro non è per me!






venerdì 13 dicembre 2013

TOTO’ A cchiù sincera

A cchiù sincera

 Tengo na ‘nnammurata

 ca è tutt’ ‘a vita mia.

 Mo tene sittant’anne,

 povera mamma mia!

 Cu chella faccia ‘e cera, 

 sotto ‘e capille janche,

 me pare na sant’Anna

 cu ll’uocchie triste e stanche. 

 Me legge dint’ ‘o penziero,

 me guarda e m’anduvina 

 si tengo nu dulore si tengo quacche spina.

 TOTO’

martedì 3 dicembre 2013

Salvatore Di Giacomo Marechiare piu' video Luciano Pavarotti

Marechiare


"Quanno sponta la luna a Marechiare

pure li pisce nce fanno a ll'ammore,

se revoteno ll'onne de lu mare,

pe la priezza cagneno culore,

quanno sponta la luna a Marechiare...

A Marechiare ce sta na fenesta,

la passione mia ce tuzzulea,

nu carofano addora 'int'a na testa,

passa ll'acqua pe sotto e murmulea...

a Marechiare ce sta na fenesta...

Chi dice ca li stelle so' lucente

nun sape st'uocchie ca tu tiene nfronte,

sti doie stelle li saccio io sulamente,

dint' a lu core ne tengo li pponte,

chi dice ca li stelle so' lucente....

Scétate Caruli' ca ll'aria è doce,

quanno maie tanto tiempo aggio aspettato?"







giovedì 28 novembre 2013

Amicizia Pam Brown

Nella solitudine, nella malattia,

 nella confusione, 

la semplice conoscenza dell'amicizia rende possibile resistere, 

anche se l'amico non ha il potere di aiutarci.

 È sufficiente che esista.

 L'amicizia non è diminuita dalla distanza o dal tempo,

 dalla prigionia o dalla guerra,

 dalla sofferenza o dal silenzio.

 È in queste cose che essa mette più profonde radici. 

È da queste cose che essa fiorisce” 


Pam Brown



giovedì 21 novembre 2013

La musica nell’anima

Le candide note suonano melodie misteriose,

giungono al gelido buio della notte

trascinando noi stessi in una realtà immaginaria.

Si chiudono gli occhi,

lasciamo che il cuore venga trasportato tra i silenziosi sentieri dell’animo,

in un vortice saturo di emozioni

e il nostro pensiero più inconscio viene guidato dalle stelle,

come un desiderio represso che cerca di emergere dalle macerie di un cuore malato.

E la favola ha inizio ascoltando il suono della notte,

il fruscio degli alberi e lo scrosciare della pioggia

che lieve rilassa lo spirito inquieto,

ci costruiamo un mondo incantato dove raggiungere la felicità eterna,

un universo parallelo in cui essere chi vogliamo,

là dove le emozioni più belle non potranno mai cessare.

Il nostro animo vibra di commoventi attimi perpetui,

e ci abbandoniamo alla vita per quei pochi istanti in cui la musica suona.



venerdì 15 novembre 2013

Gemellini abbracciati questo e amore bellissimo

video




PARTO GEMELLARE,


 IL VIDEO CHE STA COMMUOVENDO IL WEB: 


DUE GEMELLINI DI POCHI GIORNI FANNO IL BAGNO INSIEME ABBRACCIATI

martedì 12 novembre 2013

K. GIBRAN Il supremo coraggio dell'amore







Il supremo coraggio dell'amore


Dammi il supremo coraggio dell'amore,

 questa è la mia preghiera:

di agire,

di soffrire,

di lasciare tutte le cose

o di essere lasciato solo.

Temperami con incarichi rischiosi,

onorami con il dolore,

e aiutami a rialzarmi

ogni volta che cadrò.

Dammi la suprema certezza nell'amore,

questa  è  la mia preghiera,

la certezza che appartiene alla vita

nella morte,

alla vittoria nella sconfitta,

alla potenza nascosta

nella più fragile bellezza,

a quella dignità nel dolore,

che accetta l'offesa

ma disdegna di ripagarla con l'offesa.

Dammi la forza di Amare sempre e ad ogni costo.

K. GIBRAN

domenica 10 novembre 2013

Toto L'ammore

L'ammore chi è?... E' 'nu signore

travestuto 'e gentilezze e poesia,

vase, abbraccie e gelusia.

Quante aspette p'o piglià!

S'e presenta comme uno

serio, onesto, cunsistente

e te nganna a tanta ggente,

quanta ggente fa cadè!

'Nchiude ll'uocchje e t'abbandune

dinto 'e braccia 'e stu signore

e lle daje aneme e core

tutto chello ch'jsso vò.

T'e lusinga? E tu nce cride.


T'e fa chiagnere?... O perduono;

e perduone tutte cose,

pure 'e spine 'e chesti rrose

si sti spine rose sò.

T'e ribbielle? E comme faie?

Oramai nun si cchiù nniente,

chi cumanna e' stu signore

ca trasenno dinto 'o core

travestuto 'e poesia

t' addurmuto. T' a ncantato,

S'a pigliato tutto chello ca vuluto

ttutto chello ch'e lle dato:

pace, suonno e giuventù.

Spisso capíte ca'e vvote

tu te cride ch'è sincero,

chist' ammore travestuto

c'o vestito 'e nu poeta,

tutt'insieme s'è spugliato,

stu poeta 'e gentilezze

s'è scurdato 'a poesia

t' a rimasto n' amarezza

nfunno 'a ll'anema

ind'o 'o core...

...Che vuò fà, chisto è ll'ammore.

venerdì 1 novembre 2013

Ti penso


Ti penso ogni istante dei miei giorni.

 Ogni notte sei presente nei miei sogni,

 vedo il tuo volto ovunque, 

sento l'odore della tua pella sempre sulla mia.

 In ogni sguardo delle persone vedo i tuoi occhi.

Autore: Anonima




lunedì 28 ottobre 2013

Kahil Gibran

LA FORZA CHE DIFENDE IL CUORE

La forza che 

difende il cuore 

dalle ferite 

è la stessa 

che gli impedisce 

di dilatarsi 

alla sua massima grandezza.



mercoledì 16 ottobre 2013

Poesia d'amore di Jacques Prévert

Paris at night 


Tre fiammiferi accesi uno per uno nella notte

Il primo per vederti tutto il viso

Il secondo per vederti gli occhi

L'ultimo per vedere la tua bocca

E tutto il buio per ricordarmi queste cose

Mentre ti stringo fra le braccia. 





sabato 5 ottobre 2013

Jim Morrison










Vorrei essere la tua lacrima


 così da nascere dal tuo occhio 


vivere sul tuo viso e morire sulle tue labbra.

domenica 15 settembre 2013

Jacques Prevert

I ragazzi che si amano

I ragazzi che si amano si baciano in piedi

Contro le porte della notte

E i passanti che passano li segnano a dito

Ma i ragazzi che si amano

Non ci sono per nessuno

Ed è la loro ombra soltanto

Che trema nella notte

Stimolando la rabbia dei passanti

La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno

Essi sono altrove molto più lontano della notte

Molto più in alto del giorno

Nell'abbagliante splendore del loro primo amore

 Jacques Prevert

giovedì 12 settembre 2013

Kahlil Gibran Preghiera

"Dammi il supremo coraggio dell'amore,

 questa è la mia preghiera,

 coraggio di parlare, di agire,

di soffrire, di lasciare tutte le cose,

 o di essere lasciato solo.

 Temperami con incarichi rischiosi,

 onorami con il dolore,

 e aiutami ad alzarmi ogni volta che cadrò.

 Dammi la suprema certezza nell'amore,

 e dell'amore, questa è la mia preghiera,


 la certezza che appartiene alla vita nella morte,

 alla vittoria nella sconfitta,

 alla potenza nascosta nella più fragile bellezza,

 a quella dignità nel dolore, che accetta l'offesa,

 ma disdegna di ripagarla con l'offesa.

 Dammi la forza di Amare sempre e ad ogni costo.

mercoledì 12 giugno 2013

Amicizia

Amicizia

Non posso darti soluzioni per tutti i problema della vita


Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori, però posso ascoltarli e dividerli con te


Non posso cambiare né il tuo passato né il tuo futuro Però quando serve starò vicino a te


Non posso evitarti di precipitare, solamente posso offrirti la mia mano perché ti sostenga


e non cadi La tua allegria, il tuo successo e il tuo trionfo non sono i miei.


Però gioisco sinceramente quando ti vedo felice


Non giudico le decisioni che prendi nella vita


Mi limito ad appoggiarti a stimolarti e aiutarti se me lo chiedi


Non posso tracciare limiti dentro i quali devi muoverti,


Però posso offrirti lo spazio necessario per crescere


Non posso evitare la tua sofferenza, quando qualche pena ti tocca il cuore


Però posso piangere con te e raccogliere i pezzi per rimetterlo a nuovo.


Non posso dirti né cosa sei né cosa devi essere


Solamente posso volerti come sei ed essere tua amica.


In questo giorno pensavo a qualcuno che mi fosse amico in quel momento sei apparso tu…


Non sei né sopra né sotto né in mezzo non sei né in testa né alla fine della lista


Non sei ne il numero 1 né il numero finale e tanto meno ho la pretesa


di essere il 1° il 2° o il 3° della tua lista


Basta che mi vuoi come amico.


NON SONO GRAN COSA,


PERO’ SONO TUTTO QUELLO CHE POSSO ESSERE.


Jorges Luis Borges





domenica 12 maggio 2013

Auguri a tutte le mamme




ll’ angelo d’‘a casa

  
‘A mamma è ll’angelo d’ ‘a casa


pecchè sape e conosce tutt’‘e ccose,


a ‘e figlie ‘e ddà ‘e cunziglie


e mantene aunita tutt’‘a famiglia.


E quanno ‘e piccirille stanno malate


‘a mamma stà sempe preoccupata,


chist’angelo ‘e stà sempe vicino…


p’ ‘e figlie è ‘a meglia medicina.

‘A mamma ‘e figlie ‘e cresce


è chella ca cchiù ‘e capisce,


‘e chella ca cchiù ‘e ccunosce…


dice ‘e bbuscie e nun tradisce!

‘A mamma è ll’unico ammore vero


è ‘o cchiù carnale, ‘o cchiù sincero!


Nun ce stà parola cchiù bella ‘e mamma


pecchè addò staje staje, ‘ a chiamme.

Già ‘a quanno staje dint’‘e fasce…


‘a vocca chianu chiano aunisce…


e quanno ‘a chiamme essa gioisce,


pecchè mamma ‘a ‘int’ ‘o core jesce.

Massenzio Caravita

martedì 19 marzo 2013

IL BABBO di L Schwarz



Povero babbo!

Stanco, scalmanato,

tutte le sere torna dal lavoro,

ma per cantar la nanna al suo tesoro

ha sempre un pò di forza e un pò di fiato.






venerdì 8 marzo 2013

Festa della donna 8 Marzo


Festa della donna 8 Marzo



Non ti regalerò mimose.




Non ti farò nemmeno gli auguri. 




Non mi piace l’idea di dedicarti un giorno, 




di apprezzarti per convenzione,




di celebrarti perchè me lo dice il calendario. 




Mi hai dato la vita, vestita da madre




.Hai avuto i volti di amori, poesie, canzoni, 




gioie, dolori.




Hai fatto sussultare la mia anima,




esplodere sorrisi, 




sorgere lacrime,




sei stata aurora e tramonto,




luce e buio, rinascita e a tratti morte. 




L’8 marzo lascialo alle cagne che scodinzolano a comando.




Tu sei di più. 




Tu sei tu. Da sempre,




il lato più bello di questa medaglia chiamata mondo. 




Grazie di esistere.




Donna.




Roberto Arduini