Pagine

sabato 8 aprile 2017

Giulio Mendozza Notte ‘e suonno

Notte ‘e suonno
di Giulio Mendozza
Na varca ‘e piscature
s’’a vasa ‘argiento ‘e luna ;
na pàtina ‘e culure
‘ncopp’a nu mare blu.
Stanotte sto affacciato
a stu balcone ‘ncielo,
me sento cunnuliato
d’’a brezza ca mo va,
smove ‘o prufumo ‘e ll’onne,
‘o spanne dint’a ll’aria
e ‘st’anema se ‘nfonne
‘e suonne ‘e giuventù.
Tiennere so’ ‘e ricorde,
so’ triste e songo doce,
d’’o core tutt’’e ccorde
mo tornano a tremmà.
Nun dormo, sto scetato
e pure pare suonno :
stu munno affatturato..
me piace comm’a che .
Sento nu canto amico
ca struje e ca cunzola,
nu canto nuovo e antico
ca attira e fa ‘ncantà.
Ma fossero ‘e Ssirene
ca chiammano chi passa
p’’o stregnere ‘ncatene
senza n’avè pietà ?





Nessun commento:

Posta un commento