Pagine

martedì 31 maggio 2016

Ciro Trocciola NA STORIA D' AMMORE

NA STORIA D' AMMORE

Marì , eterna sposa mia , tenimme 'a stessa età , nuvant 'anne ,
ma è sempe cchiù bbello a te tenè stretta dint' 'a cchesti braccia !
Pe' tte , io addeventaje nu pueta , e ppure mò , cu tanto affanno ,
io te dico bbelli penziere d' ammore , vasànnete sta bbella faccia !

" Mio eterno amore, una particella son' io dell'universo, un nulla ,
ma quando il tuo cuore sfiora il mio , io sento che rinasce la vita ,
la gioventù nuovamente in me, ogni cosa in te ognor mi trastulla ,
ogni fiore ha un olezzo profumato come il tuo , ogni zolla rifiorita ! "

Ah,si tu sapisse 'a sera cu ffede quanti ccose io ce dico 'a DDIO :
" Patatè, 'o saccio, tu nun tiene tiempe pè sentì chi te sta 'a pregà ,
'o munno mò è malamente, ma te prego, siente sta preghiera mia ,
famme murì primma 'a mme, chesta grazzia Tu nun m'ha può negà !

Dimme , che ce farria sul' io senza 'a cumpagnia e ll' ammore mio ?!
Tu ce criàte cu ddui core unite , cu na sola anima , ch' 'e penziere
sempe 'e stesse, comm' io putesse campà senza chistu bbene mio ?
Ma , forse , 'a morta cchiù bbella fosse e trasì 'nzieme 'o cimmitere ,

atterrate dint' 'a stessa fossa , dint' 'a na matenata 'e primmavera ,
e, 'ncopp' 'o fuosso, sulo na croce e cchesta bbella fotografia unita
cu na semplice scritta : Una storia d'amore di due cuori bella e vera !"

Ciro Trocciola 



 

Nessun commento:

Posta un commento