Pagine

sabato 7 maggio 2016

Bruno Zapparrata Duorme Mammà

Bruno Zapparrata.
...
Me si turnata n'ata vota nzuonno
cu ll'uocchie 'e chianto e na faccella appesa,
cercanno 'e te parlà, nun m'esce 'a voce
e me sto' zitto e po'... m'abbraccio 'a croce.
So' già trent'anne ca vulaste ncielo,
'o mese 'e maggio, chillo d''a Madonna,
t'accumpagnaie nu viento fine e doce
cu addore 'e sciure d'angelo e d''e rrose...
Dimme pecchè tu chiagne mamma mia,
forze p''a sciorta nera ca me tene
arravugliato int''a na morza acciaro
o pecchè nun 'o ssaccio che d'è 'o bbene...
''E ppene meie t''e cconto tutt''e juorne,
nnanz''o ritratto tuoio, ncopp''o cummò,
certo, pirciò tu chiagne dint''e suonne,
pecchè nun puo' fa' niente, è overo o no?
Acconcio stu ritratto mmiezo 'e sciure,
ll'ombra 'e nu vaso e po'... me faccio 'a croce,
restanno a penzà a te cu ll'aria scura,
ma nun me lagno cchiù... pe te da' 'a pace...
Duorme Mammà, Duorme...
Bruno Zapparrata


 

1 commento:

  1. Dirti grazie è limitativo, solo chi ha un animo sensibile ed altruista può farti dono di un link così bello. Anna Grazie infinite e Felice Giornata della Mamma di domani.

    RispondiElimina